ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Hong kong vota, Pechino vieta

euronews_icons_loading
Pechino stringe la morsa su Hong Kong
Pechino stringe la morsa su Hong Kong   -   Diritti d'autore  Ng Han Guan/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Sì alla legge per il "miglioramento" del sistema elettorale di Hong Kong

Nessuna sorpresa, uno schiaffo a Occidente e democrazia e un solo, coraggioso, astenuto. Avanti tutta di Pechino nella repressione della dissidenza a Hong-Kong, in barba agli appelli internazionali. Dal Congresso nazionale cinese lo schiacciante via libera al progetto di legge sul "miglioramento" del suo sistema elettorale. In altre parole: l'introduzione del diritto di veto sulla presentazione di qualsiasi candidato, che molti vedono come pietra tombale sui tentativi di Hong Kong di sfuggire alla morsa cinese.

Kin Cheung/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Appena la scorsa settimana una nuova ondata di arresti fra i dissidenti a Hong KongKin Cheung/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Una stretta, nelle ultime settimane passata da nuove ondate di arresti, che incarna la politica sulla sicurezza varata lo scorso anno. Nel vuoto gli appelli di Londra, Washington e Bruxelles a un rispetto dell'autonomia dell'ex colonia britannica.

"Il potere a forze genuinamente patriottiche"

Le proteste del 2019 non hanno fatto che irrigidire la posizione cinese. "La nuova legge - riassume un portavoce - riporterà Hong Kong nelle mani di forze genuinamente patriottiche". Tra le misure, anche la creazione di una commissione controllata da Pechino e incaricata di eleggere una buona parte del Consiglio legislativo di Hong Kong. Appena lo scorso mese, l'annuncio di un progetto di legge che imporrebbe a tutti i pubblici ufficiali una professione di fede alla Cina.

AP Photo
Allo studio anche una legge che imporrebbe ai pubblici ufficiali di Hong Kong una "professione di fede" a PechinoAP Photo