ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La visita di Charles Michel non è bastata: ancora arresti in Georgia

euronews_icons_loading
La visita di Charles Michel non è bastata: ancora arresti in Georgia
Diritti d'autore  Shakh Aivazov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La tensione non accenna a placarsi in Georgia, dove diversi manifestanti sono stati arrestati nel corso di una protestadi fronte al Parlamento della capitale Tbilisi.

Gli arrestati partecipavano a un picchetto che va avanti ormai da giorni per chiedere il rilascio dei prigionieri politici - tra i quali il leader dell'opposizione, Nika Melia - e l'indizione di elezioni anticipate

Gli arresti arrivano all'indomani della visita del Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che ha incontrato i capi dell'opposizione nel tentativo di raffreddare le tensioni politiche.

Michel ha invitato le parti al dialogo, esortandole a "instensificare gli sforzi per cercare un compromesso che riporti alla stabilità".

Shakh Aivazov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Tbilisi, 26 febbraio: manifestanti chiedono la liberazione del leader d'opposizione Nika MeliaShakh Aivazov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Nell'ex repubblica sovietica la situazione si è fatta esplosiva dopo le elezioni parlamentari dello scorso 31 ottobre, segnate dalle accuse di frode rivolte a Sogno Georgiano , il partito centrista fondato dall'oligarca Bidzina Ivanishvili, la cui vittoria non è stata riconosciuta dall'opposizione.

Tensioni che sono poi deflagrate la scorsa settimana, con l'irruzione della polizia nel quartier generale del Movimento nazionale unito, principale formazione dell'opposizione, e l'arresto del leader Nika Melai