ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Georgia: opposizione di nuovo in piazza per chiedere la liberazione di Nika Melia

euronews_icons_loading
Georgia: opposizione di nuovo in piazza per chiedere la liberazione di Nika Melia
Diritti d'autore  Shakh Aivazov/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

In Georgia migliaia di sostenitori dell'opposizione sono tornati in strada questo venerdì per protestare contro l'arresto di Nika Melia, leader del Movimento Nazionale Unito. La folla si è radunata davanti alla sede del parlamento e al quartier generale del governo a Tbilisi.

Alcuni manifestanti hanno eretto tende in mezzo alla strada, che la polizia ha poi rimosso. Nonostante le restrizioni e il coprifuoco imposti dal governo per contenere la pandemia, alcuni dei manifestanti intendono passare la notte davanti alla sede del parlamento.

"Oggi l'intera opposizione georgiana si è riunita per inviare un forte messaggio al governo e all'oligarca Bidzina Ivanishvili - dice Giorgi Barmidze, membro del Movimento Nazionale Unito - questo paese ha bisogno di una de-escalation. Servono nuove elezioni parlamentari per poter soddisfare gli standard democratici necessari per un paese che aspira ad entrare nella Nato e nell'Unione europea".

"Crediamo che oggi la Georgia si trovi a un bivio - aggiunge David Bakradze, leader di European Georgia -. Questo è il momento in cui il paese deve decidere se continuare il suo avvicinamento all'Europa e lo sviluppo democratico o fare un passo indietro e tornare nella sfera di influenza russa".

Melia è stato arrestato martedì scorso: è accusato di non avere pagato la cauzione dopo essere stato rimesso in libertà in seguito ad un altro arresto, quello avvenuto durante le manifestazioni antigovernative del 2019 degenerate in scontri con le forze di sicurezza.

I leader dell'opposizione hanno fatto sapere che nei prossimi giorni sono in programma nuove manifestazioni davanti alla sede del parlamento e della cancelleria di Stato.