ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Barcellona nel caos: arrestato l'ex presidente Bartomeu

Di Euronews
euronews_icons_loading
Barcellona nel caos: arrestato l'ex presidente Bartomeu
Diritti d'autore  Emilio Morenatti/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Caos societario al Barcellona a una settimana dalle elezioni presidenziali. Questo lunedì i Mossos d'Esquadra, gli agenti della polizia catalana, hanno arrestato l'ex presidente Josep Maria Bartomeu, dimessosi lo scorso 27 ottobre, e altri tre dirigenti del club: Oscar Grau, direttore esecutivo del club, Jaume Masferrer, consigliere e braccio destro di Bartomeu, e Romà Gómez Ponti, responsabile dei servizi legali.

I quattro sono accusati di corruzione e falso in amministrazione. Gli inquirenti sospettano che abbiano usato i fondi della società per pagare un'azienda specializzata nella creazione di contenuti per il web affinché lanciasse una campagna sui social network per screditare alcuni calciatori - tra cui Messi e Piqué - critici nei suoi confronti, ma anche ex dipendenti del club come l'allenatore Pep Guardiola e Joan Laporta, uno dei tre candidati alla presidenza (è già stato presidente dal 2003 al 2010).

Stando a quanto rivelato da Cadena Ser nel gennaio 2020 il club avrebbe dirottato più di 3,5 milioni di euro dalle proprie casse per finanziare l'operazione, condotta aggirando tutti i controlli legali e finanziari interni: il club infatti avrebbe versato alla società sei bonifici da 200mila euro l’uno, la soglia economica per evitare che servisse la firma del consiglio direttivo per autorizzare il pagamento. Si stima che per la creazione di questi contenuti il club abbia pagato sei volte di più rispetto alle tariffe abituali.