ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Proteste e feriti in Myanmar contro il golpe. L'Onu condanna l'uso della forza

Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Proteste e feriti in Myanmar contro il golpe. L'Onu condanna l'uso della forza
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Non si placano le proteste contro il colpo di stato militare in Myanmar. Migliaia di persone, tra cui moltissimi studenti sono scesi di nuovo in piazza nella seconda città più grande Paese, Mandalay, sfidando le autorità.

I manifestanti chiedono la libertà per la leader estromessa Aung San Suu Kyi e altri membri del partito al governo che sono stati arrestati durante il golpe. In diverse città i militari hanno vietato i grandi raduni in pubblico e introdotto il coprifuoco notturno. Divieti che non fermano la folla. Nella capitale dei militari Naypyidaw, le forze di sicurezza birmane hanno sparato proiettili di gomma contro la folla, ferendo diverse persone.

Secondo quanto riportato su alcuni social network, la polizia avrebbe usato anche pallottole vere. Una ragazza ventenne sarebbe in condizioni critiche dopo essere stata raggiunta da un colpo d'arma da fuoco alla testa, questo è quanto riferito da un medico citato da media locali. Nella township di San Chaung, decine di insegnanti hanno marciato mostrando il saluto a tre dita simbolo a favore della democrazia, un segno distintivo dei dimostranti.

"Questa è la prima vera protesta che la nostra generazione deve affrontare, racconta una studentessa. Prendiamo esempio dai nostri coetanei di altri paesi. Siamo giovani e indomabili anche se non vogliamo che nessuno si trovi in pericolo. La nostra generazione è intelligente e protesteremo in modo intelligente." I dimostranti sono tornati anche davanti al quartier generale della Lega nazionale per la democrazia (Nld), il partito della leader deposta e arrestata dai militari.

La condanna della comunità internazionale

Unanime la presa di posizione della comunità internazionale. Stati Uniti e Nazioni Uniti hanno condannato l'uso della forza per reprimere le proteste. "Il ricorso a una forza sproporzionata contro i manifestanti è inaccettabile", ha dichiarato in una nota Ola Almgren, coordinatore residente della Nazioni Unite in Myanmar.

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, l'organismo di 47 stati membri con sede a Ginevra, terrà una riunione straordinaria venerdì per considerare "le implicazioni sui diritti umani della crisi in Birmania". La riunione è stata sollecitata dal Regno Unito e dall'Unione europea.

Il Dipartimento di Stato americano ha sottolineato che tutte le persone in Birmania hanno diritto alla libertà di espressione, associazione e riunione. Papa Francesco ha chiesto il rilascio dei leader incarcerati.