ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccinazioni: i Paesi poveri sono lasciati indietro

euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Themba Hadebe/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre molti Paesi sviluppati stanno già vaccinando, quelli più poveri sono di nuovo lasciati indietro.

La People's Vaccine Alliance stima che i Paesi in via di sviluppo saranno in grado di vaccinare una sola persona su dieci.

Gli Stati cosiddetti "ricchi" hanno acquistato dosi sufficienti per vaccinare tre volte la loro popolazione, qualora tutti i vaccini fossero approvati per l'uso: la stessa Unione europea ha raddoppiato gli ordini del vaccino Pfizer.

L'Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) mette in guardia contro la corsa alla vaccinazione.

from AFP video
Screengrabfrom AFP video

"Attualmente, 42 Paesi stanno distribuendo vaccini Covid-19 sicuri ed efficaci - dice Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'OMS - 36 di questi sono ad alto reddito e 6 sono Paesi a reddito medio.

Pertanto, c'è un chiaro problema riguardo al fatto che i Paesi a basso e medio reddito non ricevano ancora il vaccino: Il nazionalismo vaccinale ci ferisce tutti ed è controproducente".

Il vaccino Oxford-AstraZeneca, già approvato nel Regno Unito, intanto, potrebbe essere la speranza per molti Paesi a basso reddito, dal momento che il produttore si impegna a fornire il 64% delle dosi alle persone che abitano i Paesi in via di sviluppo.