EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Facebook blocca il profilo di Donald Trump a tempo indeterminato

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg Diritti d'autore AP/Susan Walsh/Mark Lennihan
Diritti d'autore AP/Susan Walsh/Mark Lennihan
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Le restrizioni di Facebook su Donald Trump saranno estese. Gli account del presidente saranno bloccati "indefinitamente e per almeno le prossime due settimane" fino a quando non sarà completata una pacifica transizione di potere" lo afferma Mark Zuckerberg

PUBBLICITÀ

Facebook e Instagram hanno sospeso a tempo indeterminato il profilo di Donald Trump dopo quanto accaduto mercoledì al Campidoglio di Washington. Ad annunciarlo è stato Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook che dal 2012 è prorietario anche di Instagram. Gli account del presidente saranno bloccati "indefinitamente e per almeno le prossime due settimane fino a quando una pacifica transizione di potere non sarà completata", ha detto Zuckerberg.

The shocking events of the last 24 hours clearly demonstrate that President Donald Trump intends to use his remaining...

Posted by Mark Zuckerberg on Thursday, January 7, 2021

"Gli eventi scioccanti delle ultime 24 ore dimostrano chiaramente che il presidente Donald Trump intende utilizzare il tempo che gli rimane in carica per minare la transizione pacifica e legittima del potere al suo successore eletto, Joe Biden", ha scritto Zuckerberg.

Trump ha ripetutamente sfruttato il potere dei social media per diffondere falsità sull'integrità delle elezioni e sui risultati della corsa presidenziale. Piattaforme come Facebook hanno occasionalmente etichettato o addirittura rimosso alcuni dei suoi post, anche se secondo un numero crescente di critici le misure adottate non sono state sufficienti a frenare la diffusione di quella che è stata definita pericolosa disinformazione.

Gli eventi di ieri, tuttavia, hanno spinto Zuckerberg ad adottare un approccio più aggressivo. "Il contesto attuale - ha scritto - è ora fondamentalmente diverso, e include l'uso della nostra piattaforma per istigare una violenta insurrezione contro un governo democraticamente eletto".

Anche Twitter ieri ha bloccato gli account del presidente per 12 ore dopo le sue false accuse sull'integrità delle elezioni. La sospensione sarebbe dovuta terminare oggi ma Trump non ha ancora pubblicato alcun post. Un portavoce di Twitter ha detto che l'azienda potrebbe prendere ulteriori provvedimenti. "Stiamo continuando a valutare la situazione in tempo reale - ha detto il portavoce - esaminando anche l'attività sul campo e le dichiarazioni fatte su Twitter, terremo il pubblico informato".

Anche YouTube ha rimosso il video in cui Trump, durante le violenze al Campidoglio, invitava i sostenitori ad andare a casa pacificamente, pur ribadendo le accuse di brogli elettorali. L'azienda, di proprietà di Google, non ha però fatto sapere se intende prendere altre misure nei confronti del presidente statunitense.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tutte le frustrazioni dell'elettorato di Trump che condizioneranno il futuro

Trump, processo verso la fine: sentenza attesa entro la settimana

Stati Uniti: Donald Trump contestato alla convention del Partito Libertario