ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Comincia in anticipo la somministrazione del vaccino in alcuni paesi europei

euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  Afp
Dimensioni di testo Aa Aa

La Germania, l'Ungheria e la Slovacchia hanno iniziato a somministrare le prime dosi di vaccino contro il coronavirus sabato appena poche ore dopo aver ricevuto le prime spedizioni. La cosa ha messo a soqquadro i piani dell'Unione europea per un lancio coordinato domenica nei 27 paesi membri.

"Ogni giorno che aspettiamo è un giorno di troppo", ha detto Tobias Krueger, il gestore di una casa di cura in cui sono iniziate le vaccinazioni ad Halberstadt, nella regione tedesca nord-orientale in Sassonia-Anhalt. Un punto di vista condiviso da molti.

Così la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen: "Le nostre giornate europee di vaccinazione sono un toccante momento di unità e una storia di successo europea. (...) La vaccinazione ci aiuterà a riprendere gradualmente la nostra vita normale. Una volta che un numero sufficiente di persone sarà stato vaccinato, potremo iniziare a viaggiare, incontrare di nuovo i nostri amici e la nostra famiglia e fare vacanze normali, che tutti desideriamo. Ma fino ad allora, dobbiamo continuare a stare attenti. Dobbiamo proteggere noi stessi e i nostri cari dal virus. Restiamo al sicuro insieme, ma rendiamo il 2021 il nostro anno di ripresa e speranza europea ".

Intanto la variante inglese del coronavirus, com'è stata definita ha fatto registrare casi anche in Giappone dopo alcuni paesi europei. In termini matematici però, almeno per ora, si può tirare un sospiro di sollievo. Sebbene la nuova variante del virus possa essere il 70% più contagiosa del virus comune, al momento non ci sono informazioni che suggeriscano sia più pericolosa in termini di decessi o ricoveri.