Sono arrivate in Italia le prime fiale del vaccino anticovid

Images
Images Diritti d'autore Afptv
Diritti d'autore Afptv
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Hanno passato il Brennero direzione lo Spallanzani di Roma, le prime dosi del vaccino Pfizer-Biontech. Si tratta di quasi diecimila fiale.

PUBBLICITÀ

Sono arrivate in Italia le prime dosi di vaccino contro il Covid-19 della Pfizer-Biontech. I furgoni con le fiale, partiti dal Belgio, dopo aver varcato la frontiera al Brennero, arrivano nel pomeriggio all'ospedale Spallanzani di Roma, scortati dai Carabinieri. Questo mentre il numero dei contagi dall’inizio della pandemia in Italia ha superato i due milioni di casi. Si tratta di 9750 dosi mentre il 27 sarà la prima giornata europea di vaccinazioni.

All'inizio nel paese i luoghi di vaccinazione saranno soltanto 300 - per lo più ospedali. Poi, con l'avvio della campagna di vaccinazione di massa, passeranno a 1500.

Poi le scatole saranno stoccate e suddivise: alcune andranno all'aeroporto militare di Pratica di Mare per decollare con 5 aerei verso le regioni più lontane; altre, con automezzi sempre militari, raggiungeranno i diversi “sub-hub” nel raggio di 300 chilometri. 

Il resto dei vaccini verrà usato allo Spallanzani. La vaccinazione di massa dovrebbe iniziare la prossima settimana, quando Pfizer ha garantito altre 450mila dosi. Da valutare, nel frattempo, l'eventuale impatto della variante inglese - e delle festività - sulla curva dei contagi e quindi anche sulla campagna di vaccinazione. Quest'ultima, ha ripetuto più volte il commissario Domenico Arcuri, sarebbe più complicata con una terza ondata in corso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Non solo De Luca: gli altri politici in Europa già vaccinati contro il Covid-19

Covid-19, Vax Day: al via le prime vaccinazioni in Europa

Elezioni europee 2024, quando e come si vota, partiti e candidati: quello che c'è da sapere