ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Alexei Navalny: un'inchiesta sembra inchiodare i servizi segreti russi

Alexei Navalny
Alexei Navalny   -   Diritti d'autore  Pavel Golovkin/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Membri sotto copertura del Servizio di sicurezza federale russo (FSB) sarebbero coinvolti nell'avvelenamento dell'oppositore russo Alexei Navalny, stando a una nuova indagine.

Il 20 agosto scorso, Navalny accusava sintomi strani mentre era in volo da Tomsk a Mosca. Venne poi trasferito in una clinica a Berlino.

A settembre, il governo tedesco affermava che nel suo corpo c'erano i segni inequivocabili della presenza della sostanza chimica conosciuta come Novichok.

La Russia ha respinto ogni responsabilità per l'avvelenamento di Navalny, affermando che nessuna traccia di Novichok è stato trovata quando l'uomo è stato visitato a Omsk.

Mosca ha anche affermato che qualsiasi accusa contro la Russia fa parte di una più ampia campagna denigratoria occidentale. Ma stando al rapporto condotto dal sito web investigativo, Bellingcat, per la prima volta si parla di alcuni individui implicati nel tentato omicidio di Navalny.

Bellingcat dice anche che Navalny è stato per anni tenuto sotto sorveglianza" e precisamente da quando ha annunciato per la prima volta la sua attenzione per candidarsi alla presidenza della Russia nel 2017.

Il rapporto ha citato 37 viaggi dal 2017 durante i quali Navalny è stato seguito da uno o più degli agenti nominati.

"Bellingcat e i suoi partner hanno anche scoperto dati che indicano l'esistenza di un programma clandestino di armi chimiche gestito da membri dei servizi di intelligence russi", afferma il sito web.

È stato scoperto che tre membri sotto copertura di questa unità clandestina avevano viaggiato insieme a Navalny fino a Tomsk quando questi è stato male.

"Questi agenti erano vicini all'attivista dell'opposizione nei giorni e nelle ore dell'intervallo di tempo durante il quale è stato avvelenato con un'arma chimica di livello militare", ha riferito Bellingcat. Almeno altri cinque dipendenti dell'Fsb hanno confermato la missione, hanno aggiunto.

Con dati alla mano, Bellingcat afferma anche che l'avvelenamento probabilmente è stato"voluto dai vertici del Cremlino".

"Data questa serie incredibile di coincidenze, l'onere della prova dell'innocenza spetta esclusivamente allo Stato russo".

L'inchiesta ha stabilito che nessuno di questi agenti sia entrato in contatto diretto con Navalny, né che sia stata presa alcuna azione o dato alcun ordine.

Euronews ha contattato l'Fsb e il ministero dell'Interno russo per una dichiarazione sui risultati di Bellingcat. Senza alcun esito per il momento.

Nel frattempo, ricordiamo che il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, il mese scorso, aveva dichiarato che Navalny poteva essere stato avvelenato sull'aereo diretto in Germania, o una volta arrivato a Berlino.

Dopo la pubblicazione dell'inchiesta, lo stesso Navalny ha dichiarato su Twitter che "il caso relativo al mio tentativo di omicidio è risolto". "Conosciamo i nomi, conosciamo i posti di lavoro e abbiamo le foto", ha aggiunto.

Come è stata condotta l'indagine

Il nuovo studio è stato condotto da Bellingcat, in collaborazione con Cnn e Der Spiegel, The Insider ed El Pais, e ha analizzato le dati "voluminosi".

Aric Toler, il ricercatore di Bellingcat, ha dichiarato a Euronews che ci sono moltissimi dati che vengono venduti e scambiati in tutta la Russia, come le informazioni sui passeggeri per i voli, i tabulati telefonici e i dati del passaporto.

"ll mercato nero dei dati russo è vasto, puoi acquistare e acquisire quasi ogni tipo di informazione", ha detto Toler. Possiamo accedere a questi mercati di dati online molto facilmente, servizi di messaggistica come Telegram, che ci ha fornito così tante informazioni".

"La Russia ha restrizioni importanti sancite dalla legge ma anche dalla pratica e ha anche una vasta raccolta di dati sui cittadini".

Per l'indagine ha collaborato direttamente anche Navalny .

Aric Toler ha detto ancora a Euronews che la prima ipotesi era che una squadra di agenti avesse seguito Navalny attraverso la Russia appena prima che venisse avvelenato.

"Abbiamo cercato voli che corrispondessero all'itinerario di Navalny, viaggiando da e per Novosibirsk e Tomsk, due città diverse, a 200-300 chilometri di distanza. Abbiamo trovato tre persone, una persona reale e due su cui non c'era niente online, nessun numero di contribuente, nessuna storia, nessuna registrazione del veicolo ... erano fantasmi".

"Abbiamo scoperto che si trattava di identità false ... Una volta che abbiamo avuto i nomi dei sospetti, invece abbiamo scoperto che lavoravano tutti per l'Fsb e alcuni erano anche esperti in armi chimiche come Novichok".

Toler ha aggiunto che i loro sospetti erano fondati data la specificità dell'itinerario di viaggio e il numero ridotto di passeggeri sui voli interni durante la pandemia Covid-19.

Le indagini di Bellingcat hanno portato alla luce che i membri dell'unità sotto copertura dell'Fsb hanno anche comunicato tra loro durante il viaggio a Tomsk, con improvvisi picchi di chiamate e messaggi appena prima dell'avvelenamento e durante le ore notturne quando Navalny ha lasciato il suo hotel e si è diretto all'aeroporto di Tomsk.

Inoltre, i dati sulla geo-localizzazione hanno mostrato che un membro era a pochi minuti a piedi dall'hotel Navalny nella città siberiana quella notte.

"Non possiamo dire chi ha detto cosa e quali erano le conversazioni, ma sappiamo chi ha chiamato chi e abbiamo una cronologia", ha detto Toler a Euronews.

"È chiaro che alti livelli dell'Fsb sono stati costantemente informati sull'operazione".

I dati sono chiari

Secondo l'inchiesta gli agenti potrebbero aver tentato di avvelenare Navalny a luglio, quando si è scoperto che almeno due degli agenti l'avevano seguito fino a Kaliningrado, dove stava trascorrendo un fine settimana con sua moglie, Yulia. Questo non era stato precedentemente rivelato da Navalny o da alcuna indagine.

"Durante questo viaggio, anche Yulia Navalny si è ammalata con sintomi simili a un avvelenamento da Novichok di basso grado", ha detto Toler a Euronews.

Bellingcat afferma che la loro indagine è stata importante a causa del "vuoto giuridico" attorno al caso, poiché solo la Russia ha aperto un'inchiesta ufficiale.

I governi stranieri potrebbero ora essere in grado di dare seguito al rapporto di Bellingcat sull'uso ripetuto da parte della Russia di armi chimiche proibite.

"Qualsiasi uso di armi chimiche è serio e non può essere privo di conseguenze", ha affermato in un comunicato l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche.

Bellingcat ha anche confermato di non aver ricevuto risposta dalle autorità russe dal momento della pubblicazione dell'inchiesta.

"I dati sono abbastanza chiari", ha detto Aric Toler a Euronews. "È importante dire che per ogni fonte di dati che troviamo, siamo sicuri di verificarla e confermarla con altre fonti di dati".

"Abbiamo migliaia e migliaia di dati che coinvolgono questa squadra dell'Fsb nel tentativo di uccidere Alexei Navalny".

Bellingcat aveva precedentemente pubblicato i nomi degli agenti dell'intelligence militare russa (Gru) che ritengono responsabili dell'avvelenamento con Novichok dell'ex agente segreto Sergei Skripal nel 2018. Anche in quell'occasione Mosca ha respinto le accuse.