EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Corrado Augias spiega a Euronews il suo "gran rifiuto" della Legion d'onore

augias on honour legion
augias on honour legion Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Sergio Cantone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Corrado Augias spiega a Euronews il suo "gran rifiuto" della Legion d'onore. Lo scrittore e giornalista non vuole condividere una decorazione di grande prestigio con un presidente autoritario come al-Sisi

PUBBLICITÀ

Corrado Augias restituisce questo lunedì la Legion d'onore, una delle più alte decorazioni della Repubblica francese. Lo fa in segno di protesta, dopo la concessione del prestigioso titolo onorifico al Capo dello Stato egiziano Abdel Fattah al-Sisi, in occasione della sua visita all'Eliseo della scorsa settimana.

Indignato per il caso Regeni e per altre violazioni dei diritti umani da parte dell'Egitto, lo scrittore e giornalista italiano, ha dichiarato a Euronews:

"È proprio perché è una decorazione importante, la Legion d'onore, che io non mi sento di condividerla con un Capo di stato che si è fatto oggettivamente complice di criminali. La Legion d'onore venne istituita dalla buon'anima di Napoleone nel 1802, quando era Primo console, per il riconoscimento di meriti particolari in campo militare o sociale. Allora la mia domanda è: quali meriti particolari ha il presidente al-Sisi, per obbedire al canone che deve regolare la concessione di questo riconoscimento?"

Secondo le organizzazioni umanitarie ci sarebbero ben 1800 giornalisti e attivisti detenuti nelle carceri dell'Egitto di al-Sisi. Eppure i Paesi europei rivaleggiano per stringere la mano al presidente egiziano. E anche l'Italia incalzata dalla concorrenza dei suoi alleati fatica ad adottare misure di condanna significative contro il regime del Paese nordafricano-mediorientale.

Ma la real-politik ha le sue ragioni, e lo stesso Augias ne riconosce l'importanza:

"Noi interrompiamo tutti i rapporti con l'Egitto, richiamiamo l'ambasciatore, va bene. È quello che la legge morale, direbbe Antigone, obbliga a fare. Noi andiamo via, dopo quarantotto ore quello che avevamo noi viene sostituito da francesi, inglesi e tedeschi. A che sarà servito il nostro gesto?"

Nel giorno in cui la giustizia italiana dava i dettagli medico legali delle violenze patite da Regeni per mano dei servizi di sicurezza egiziani e in cui una corte del Cairo confermava la detenzione di Zaki, il presidente al-Sisi riceveva, con grande discrezione, la Legion d'Onore a Parigi.

È bene ricordare che Corrado Augias, figlio di un ufficiale dell'aeronautica francese originario di Tolone, è stato insignito della Legion d'onore nel 2007 per meriti culturali e letterari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Regeni sequestrato, torturato e ucciso". Roma processerà gli 007 egiziani

Egitto, restano in carcere Zaki e Shaath, ma Macron assicura la fornitura di armi ad Al Sisi

Egitto-Ue: Il caso di Patrick Zaky arriva al Consiglio europeo