ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Venezuela: la scontata vittoria di Maduro che non convince Unione europea e USA

euronews_icons_loading
Venezuela: la scontata vittoria di Maduro che non convince Unione europea e USA
Diritti d'autore  Ariana Cubillos/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Una “trionfo” per il chavismo, una "frode" per l'opposizione. In Venezuela, il partito di Nicolás Maduro vince le elezioni parlamentari ma il 69% degli elettori non è andato alle urne. Un voto scontato per il partito guidato dal presidente Maduro, elezioni boicottate dall'opposizione e segnate dall'assenza di osservatori internazionali.

Una vittoria "facile" che, tuttavia, per gli avversari tradizionali di Maduro è un vero e proprio broglio. "Si deve votare per la patria, la pace e il futuro", aveva ribadito il Presidente nei giorni scorsi, assicurando ora che sarà fatta giustizia. Parole usate per zittire un'opposizione accusata di incitare la folla a violenti proteste violente. "Abbiamo avuto la pazienza, la saggezza di aspettare questo momento e questo giorno, ha detto Maduro, per sbarazzarci di quella nefasta Assemblea Nazionale, che sotto la guida di Juan Guaidó, ha danneggiato i venezuelani”.

Un discorso pronunciato mentre il principale leader dell'opposizione boicottando il voto, non riconosciuto da Unione Europea, Stati Uniti e da altre nazioni, ha cercato di spiegare al popolo i retroscena delle passate vittorie di Maduro. Nei prossimi giorni il movimento di Guaidó prevede di indire un referendum per chiedere ai venezuelani se vogliono porre fine al governo di Maduro e andare a nuove elezioni presidenziali.

Intanto in Colombia, dove si sono rifugiati nell’ultimo anno oltre due milioni di venezuelani, migliaia di persone sono scese in piazza contro quella che hanno definito la dittatura di Nicolás Maduro. Il tutto in un momento di enorme crisi economica e politica nel paese, dove né il Presidente, né il suo principale nemico godono di grande popolarità.