ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Black Friday senza entusiasmo, calo verticale della fiducia dei consumatori

Di Tadhg Enright
euronews_icons_loading
Black Friday senza entusiasmo, calo verticale della fiducia dei consumatori
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Black Friday quest'anno sarebbe passato pressoché inosservato se non fosse stato per le polemiche sulla riapertura dei negozi e sul suo eventuale posticipo. Alla fine eccolo qui, arrivato nell'ultimo venerdì di novembre per invitare i consumatori all'acquisto a prezzo ridotto di ogni ben di dio. Acquisto essenzialmente online perché tra confinamenti, semi-confinamenti e coprifuochi il clima nelle vie dello shopping delle città europee non è dei migliori. A Londra, tanti i passanti che affermano di stare attenti al centesimo quest'anno, "consapevoli che non sprecheremo i soldi come avremmo fatto negli anni precedenti". Nella tragedia nera della crisi economica l'unico risvolto positivo della medaglia è che il consumo potrebbe diventare più intelligente "Cerco di trovare le migliori offerte tutto l'anno. Penso che aumentino i prezzi appena prima del Black Friday in modo che possano farlo sembrare un affare", dice un passante.

Calo verticale della fiducia dei consumatori con il secondo confinamento

Prima della seconda ondata; più della metà degli acquirenti ha dichiarato a un sondaggio di PWC di essere interessata allo shopping del Black Friday. Ma la quota di chi ha detto sì è sceso a solo il 38% una volta ripristinato il confinamento.

Il cambiamento di umore è stato più drammatico tra i giovani acquirenti. L'82% delle persone di età compresa tra i 18 ei 25 anni aveva programmato di acquistare qualcosa durante il Black Friday ma la quota è precipitata al 44% poi. Lisa Hooker, capo del settore consumi di PWC, spiega l'evidenza: "Prima che avessimo le nuove restrizioni, la fiducia dei consumatori era tornata al livello pre-pandemia e questo perché molte persone hanno effettivamente risparmiato denaro durante il primo confinamento quando non erano in grado di andare in vacanza e uscire, erano abbastanza fiduciose di essere in grado di spendere. Poi sono arrivati ​​i nuovi annunci e penso che in particolare le giovani generazioni siano preoccupate per le loro prospettive di lavoro e il loro denaro. Alcuni dei lavori svolti dalle giovani generazioni sono nelle aree più colpite".

Ma quanto serve il Black Friday nell'anno della crisi? Per molti negozianti anche nel cuore del consumismo europeo, Londra, sarà già tanto sollevare le saracinesche alla fine delle restrizioni.