ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tigrè: le forze del Tplf lanciano razzi su aeroporti di Amhara, più di 14mila profughi in Sudan

euronews_icons_loading
Tigrè: le forze del Tplf lanciano razzi su aeroporti di Amhara, più di 14mila profughi in Sudan
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Rischia di estendersi alle regioni limitrofe il conflitto nel Tigrè. Le forze militari del governo locale hanno colpito con alcuni razzi due aeroporti nella vicina regione di Amhara. "Ogni aeroporto usato per attaccare il Tigrè è un obiettivo legittimo", ha fatto trapelare il governo locale. Le forze hanno poi minacciato anche la vicina Eritrea.

L'offensiva è arrivata a meno di 48 ore dal report di Amnesty International che ha accusato le forze leali al Fronte popolare di liberazione del Tigrè (Tplf) - il partito al governo nella regione - di avere massacrato decine, forse centinaia di civili nella città di Mai-Kadra nella notte di lunedì 9 novembre.

Il ministro etiope Bikila Hurissa ha accusato le forze del Tplf di aver ucciso in modo sistematico i civili di etnia non tigrina nell'attacco.Il Tlpf ha negato le accuse, ma Bikila ha fornito alla Bbc maggiori dettagli su quanto avvenuto: "C'è stata un'operazione delle forze dell'ordine in quell'area, in un luogo chiamato Lugdi sulla rotta per il Sudan, e le forze fedeli al Tplf sono state duramente sconfitte - ha detto il ministro - queste forze erano in fuga e durante il viaggio sono entrate in un villaggio, lasciando le uniformi militari e indossando gli abiti civili per poi massacrare tutte le persone dell'area di etnia non tigrina".

"Le nostre forze militari non sono entrate nella cittadina perché stavano combattendo in altre", ha specificato il ministro, che ha dichiarato la raccolta da parte del governo di prove da immagini, filmati, giornalisti e testimoni oculari presenti nella zona.

Gli Stati Uniti hanno sollecitato un'immediata riduzione dell'impegno militare nel Tigrè. "Condanniamo il massacro dei civili a Mai-Kadra e sollecitiamo fortemente immediati passi per la riduzione dell'impegno militare e la fine del conflitto nella regione dei Tigrè", ha detto via Twitter Tobor Nagy, sottosegretario di Stato Usa per gli Affari africani. "È essenziale che la pace sia ristabilita e i civili siano protetti", ha aggiunto.

Dal 4 novembre è in corso una guerra tra il governo federale e quello locale tigrino. Il primo ministro dell'Etiopia, Abiy Ahmed, ha iniziato l'offensiva dicendo che il partito di governo regionale, Fronte di liberazione del popolo dei Tigrè, ha attaccato due basi militari federali, accusa che il Tplf nega.

Il conflitto tra il governo federale e quello del Tigrè ha già causato centinaia di vittime da entrambe le parti e costretto oltre 14mila persone a rifugiarsi in Sudan. Giovedì scorso il governo ha spiccato mandati di arresto per oltre 60 funzionari locali del Tigrè, mentre il premier Abiy Ahmed ha nominato un governatore ad interim per la regione.