Kirghizistan, pioggia di candidati per appena 120 posti

Afp
Afp Diritti d'autore Afp
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Voto di scambio, quote rossa non rispettate e caos politico sullo sfondo della legislative nel paese

PUBBLICITÀ

Kirghizistan, sedici partiti in lizza per le elezioni politiche. Si vota sabato 4 ottobre. Contrariamente a quanto sta accadendo nei paesi vicini l'esito del voto è ancora relativamente incerto , soprattutto perché il partito che ha dominato finora la scena, i socialdemocratici dello SDPK, non si presenta. Ben 2000 i candidati per appena 120 posti nel parlamento monocamerale. Si vota con il proporzionale e la soglia di sbarramento è altissima, il 7%

Due i partiti favoriti, i democratici di Unità e Mekenim. Nel paese si vota con le quote rosa, consigliate, non obbligatorie. Molte candidate si sono ritirate negli ultimi giorni per fare spzio ai colleghi maschi. E come se non bastasse c'è il rischio del voto di scambio visto che un voto viene pagato, secondo gli osservatori, una ventina di dollari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kirghizistan nel caos: prende il potere il primo ministro

Stati Uniti, Donald Trump dichiarato ineleggibile anche in Illinois: annuncia ricorso

Elezioni presidenziali russe, inizia il voto anticipato nelle aree remote dell'Estremo Oriente