ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ungheria, dopo l'università di Soros il parlamento "riforma" l'Ateneo di Cinema

euronews_icons_loading
La protesta dell'Università di Budapest
La protesta dell'Università di Budapest   -   Diritti d'autore  Cleared
Dimensioni di testo Aa Aa

Una catena umana dall'ateneo fino al parlamento di Budapest. È la protesta che domenica ha portato in strada quindicimila fra studenti e accademici dell'Università di Cinema e Teatro(Szfe) oltre a molti altri ungheresi in solidarietà con la prestigiosa istituzione.

I partecipanti si sono passati di mano la Carta dell'Università, un documento con 155 anni di storia, ora messa a rischio - spiegano i dimostranti - da una riforma voluta dal governo di Viktor Orbán. Con l'intento dichiarato di modernizzare l'ateneo, il Parlamento ne ha affidato il controllo a una fondazione di nomina governativa. E alla guida ha messo Attila Vidnyánszky, regista dichiaratamente vicino al partito di Orbán, che ha avuto parole al vetriolo nei confronti dei manifestanti.

Da Budapest a Venezia, la protesta del cinema

Tra i registi e i docenti scesi in strada ieri c'è János Szász, stupito dalla mobilitazione di massa. Gli organizzatori aspettavano cinquemila persone; se ne sono presentate tre volte tante. "Guardatevi intorno - dice incredulo tra la folla - siamo la spina nel fianco del governo. Ma questa non è solo una questione politica, in gioco c'è molto di più, la nostra indipendenza e la capacità di decidere per noi stessi".

La fondazione messa a capo dell'Università, infatti, non avrà voce in capitolo solo sulla gestione ma anche sugli insegnamenti di un'istituzione che ha formato generazioni di registi, attori e professionisti del cinema.

Joel C Ryan/Invision/AP
Kornél Mundruczó e Kata Weber alla Mostra del Cinema di VeneziaJoel C Ryan/Invision/AP

Fra questi c'è Kornél Mundruczó, in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia proprio in questi giorni con il film Pieces of a Woman, scritto dalla moglie Kata Weber. La coppia è comparsa sul tappeto rosso con la maglietta #freeSZFE, la campagna per l'autonomia dell'università.

Atenei sotto tiro

Non è la prima volta che il governo di Viktor Orbán tenta di riformare il mondo accademico, attirandosi le critiche degli oppositori. Il precedente che ha fatto più scalpore è quello della Central European University del magnate ungherese George Soros, che dopo una lunga battaglia legale con l'esecutivo ha trasferito gran parte delle attività a Vienna. Soros è finito spesso nel mirino della propaganda di Fidesz, partito di governo, per le sue posizioni sull'immigrazione diametralmente opposte a quelle di Orbán.

Anche nel caso della Szfe di Budapest avrebbe pesato la politica, dal momento che diversi esponenti di Fidesz hanno menzionato differenze "ideologiche e politiche" con un'istituzione considerata vicina ad ambienti liberali e di sinistra. Così, la riforma dell'ateneo è stata approvata lo scorso 3 luglio dal parlamento senza alcun dibattito con l'ateneo, che aveva appena eletto un nuovo rettore - mai ufficialmente riconosciuto - e fra le proteste.