ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, Oxford: " I primi risultati sul vaccino estremamente incoraggianti"

euronews_icons_loading
Covid-19, Oxford: " I primi risultati sul vaccino estremamente incoraggianti"
Diritti d'autore  AP/University of Oxford
Dimensioni di testo Aa Aa
Il tweet del direttore di Lancet

Con questo tweet il direttore del settimanale scientifico britannico "The Lancet" si congratula con il team del ricercatore di Oxford, Pedro Folegatti, al lavoro sul vaccino contro il Covid-19.

I primi risultati della fase 1 della sperimentazione, scrive Horton, sono "estremamente incoraggianti".

Il vaccino sembra essere ben tollerato, sicuro e provoca una forte risposta immunogena.

L'Ema (Agenzia Europea per i Medicinali) è l'organo deputato a vigilare sulla sperimentazione dei vaccini. Nella fase 1 il vaccino di Oxford è stato sperimentato su 1077 volontari.

Il rapporto con i primi risultati è stato pubblicato e mostra che nei soggetti che si sono prestati alla sperimentazione, tutti al di sopra dei 18 anni, la risposta immunitaria con la somministrazione di una singola dose è molto alta e si rileva in oltre il 90% dei casi. il vaccino si chiama ChAdOx1nCoV-19.

Entusiasta il premier britannico Johnson, che twitta:

L'etusiasmo di Boris Johnson

Un passo avanti?

"Tutti hanno risposto abbastanza bene, nel modo in cui speravamo - dice il Prof. Adrian Hill dell'Università di Oxford - innescando entrambe le risposte immunitarie, non solo i classici anticorpi ma anche l'immunità cellulare, quindi è molto incoraggiante e si spera che questo vaccino funzioni".

La famiglia Viney - che vive vicino a Oxford - è tra queste: Katie, Tony e la loro figlia Rhiannon si sono offerti volontari per i test.

La notizia che il vaccino potrebbe funzionare è per loro motivo di orgoglio.

"È davvero positivo sapere che i risultati sembrino buoni - afferma Rhiannon Viney - ed è bello sapere che abbiamo preso parte a qualcosa che potrebbe causare la fine del coronavirus".

Una speranza anche dalla Cina

The Lancet pubblica anche i risultati di un altro studio su un vaccino in corso in Cina. E anche in questo caso le notizie sono decisamente positive. Il vaccino cinese (Ad5-vectored Covid-19 vaccine) è sicuro ed induce una risposta immunitaria (produzione di anticorpi e linfociti T) contro il SarsCov2. Il farmaco è stato testato in una sperimentazione clinica di fase II su oltre 500 individui. Si tratta di un vaccino basato su un comune virus del raffreddore umano che va ad agire sulla proteina Spike del virus SarsCov2 . È in corso la fase III di sperimentazione.

L'Italia protagonista nella ricerca

Anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, celebra con un tweet i risultati della sperimentazione con un tweet, anche se sottoliena che è necessario ancora avere cautela:

Come sottolinea Speranza, anche l'Italia con il suo team di Pomezia, stia partecipando attivamente allo studio.

I numeri in Italia

Dai dati diffusi dal Ministero della Salute risulta che i nuovi contagi in Italia sono 190. 13 le vittime. Il virus dunque continua a circolare in maniera ridotta ma, come spiegano gli esperti, il problema più importante da tenere sotto controllo sono i nuovi focolai, presenti in diverse regioni.

I numeri nel mondo

Intanto sono 14,5 milioni i casi nel mondo con gli Stati Uniti sempre in testa per numero di morti: 140mila. Nuovi contagi in Cina e in Germania. Il Giappone, oltre a dover fare i conti col focolaio di Okinawa, vede ad Osaka i numeri più alti dal 9 aprile. E nelle Americhe, oltre alla drammatica situazione generale, ora scoppia anche il caso delle popolazioni indigene, tra le quali si contano oltre 70mila contagi e duemila morti.