EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Covid-19: picchi in Grecia e Portogallo, test sierologici in Francia, appello del governo serbo

Covid-19: picchi in Grecia e Portogallo, test sierologici in Francia, appello del governo serbo
Diritti d'autore 
Di Cristiano Tassinari
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Covid-19: il virus continua a spaventare l'Europa. Aumento di casi in Grecia e Portogallo, lockdown alla periferia di Lisbona, appello del governo serbo alla popolazione e, almeno, una buona notizia: in Francia, test sierologici in farmacia anche senza prescrizione medica.

L'appello del governo serbo

PUBBLICITÀ

Il numero crescente di contagi da Covid-19 e dei pazienti ricoverati e le restrizioni imposte dal governo serbo sono la molla che da una settimana spingono centinaia di persone a protestare contro il governo del presidente Vučić davanti al parlamento di Belgrado.

Dopo la cancellazione del coprifuoco previsto per lo scorso week end, rimane tuttavia in vigore il divieto di assembramento con più di dieci persone.

Il governo chiede buon senso alla popolazione.

La premier Ana Brnabić lancia un appello.

"Chiedo, ancora una volta, a tutti i cittadini della Repubblica di Serbia di comportarsi il più seriamente possibile.
Questo è uno sforzo congiunto per ogni individuo, per l'intera società, per tutto il nostro paese per aiutare e sostenere il nostro sistema sanitario".
Ana Brnabić
44 anni, primo ministro Serbia
Ana Brnabić, durante l'appello alla nazione. (AP Photo)

Periferia di Lisbona parzialmente chiusa

Sempre più città e regioni in tutta Europa stanno tornando in isolamento o reimponendo alcune restrizioni.

Lunedì scorso il governo portoghese ha dichiarato che cinque zone alla periferia di Lisbona rimarranno parzialmente chiuse, due settimane dopo l'inizio di una secondo lockdown deciso per affrontare un preoccupante aumento di casi di Coronavirus.

Catalogna indecisa

In Spagna, i residenti di Lleida, in Catalogna, non sanno se possono uscire o meno. Un'ordinanza di chiusura del governo regionale è stata poi revocata dalla sentenza del tribunale: un giudice ha sentenziato che la decisione ha superato i poteri del governo catalano.

Per ora, anche a Lleida, centro di un focolaio, la vita scorre quasi normale, mascherine obbligatorie a parte, necessarie pure all'aperto.

I controlli della Grecia

La Grecia ha annunciato l'aumento dei controlli ai turisti alle frontiere dopo un allarmante picco di casi, ma la crescente preoccupazione per la scarsa osservanza delle distanze sociali da parte degli stessi greci costringe il governo del premier Mitsotákis a prendere in considerazione la possibilità di vietare le feste religiose popolari.

Francia, test sierologici per tutti

Infine, una buona notizia dalla Francia: i test sierologi per verificare la presenza di anticorpi al Coronavirus sono ora disponibili in farmacia, senza prescrizione medica.
Le autorità sanitarie ammettono, però, che i cittadini dovrebbero comunque consultare un medico per interpretare l'esito del test.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid-19 nel mondo: giro di vite in California, Messico ancora aperto, restrizioni a Hong Kong

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Olimpiadi di Parigi, allestito il più grande campo militare per garantire la sicurezza