Covid-19: elezioni "disinfettate" in Spagna, "rilassamento" francese, casi raddoppiati in Sudafrica

Covid-19: elezioni "disinfettate" in Spagna, "rilassamento" francese, casi raddoppiati in Sudafrica
Diritti d'autore Matt Dunham/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Matt Dunham/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al tempo del virus, in giro per il mondo: elezioni in sicurezza in Spagna e in Polonia, balli sfrenati in Francia, riapre Disneyworld in Florida, casi raddoppiati in Sudafrica.

PUBBLICITÀ

Diversi, diversissimi comportamenti nel mondo, di fronte al Covid-19.

Le elezioni "disinfettate" al tempo della pandemia

Accade nei Paesi Baschi e in Galizia, nel nord della Spagna, dove domenica erano in programma le elezioni regionali.
Mascherine e disinfettanti per le mani sono ora il kit necessario per andare a votare, ma 400 elettori risultati positivi al Covid-19 non hanno potuto farlo, perché è stato loro proibito di lasciare le rispettive abitazioni.

Elezioni in sicurezza anche in Polonia, per il ballottaggio presidenziale tra Andrzej Duda e Rafal Trzaskowsi.

Voto disinfettato nel nord della Spagna.

In Francia il virus sembra ormai un ricordo

In Francia, invece, nessun distanziamento sociale nè mascherine ad un concerto a Nizza.

Ma i video del concerto condivisi sui social network hanno suscitato commenti indignati, poiché il governo ha chiesto prudenza e l'uso di mascherine per "prevenire" ogni rischio di una seconda ondata dell'epidemia in Francia.

Vista dall'alto di Nizza: tutti molto (troppo) vicini.

Poco invidiabile record in Florida

Con i positivi in continua ascesa nella maggior parte degli Stati Uniti, la Florida ha registrato un poco invidiabile record giornaliero di oltre 15.000 casi.
Eppure è appena stato riaperto Disneyworld, a Orlando.
Il tasso di contagi in Florida ha superato qualsiasi picco visto finora in Europa.

Sudafrica: "la tempesta è alle porte"

I casi confermati di Coronavirus in Sudafrica sono raddoppiati in sole due settimane, raggiungendo un quarto di milione. Il presidente Cyril Ramaphosa ha dichiarato in diretta televisiva alla nazione:

"Ora l'ondata di contagi, che ci era stata prevista dai nostri medici, è arrivata.
La tempesta è alle porte".
Cyril Ramaphosa
Presidente Sudafrica
Il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa.

A Johannesburg, una delle principali città del Sudafrica, i ventilatori per i pazienti di Covid-19 vengono acquistati da aziende e privati.
La pandemia sta mettendo a dura prova il sistema sanitario sudafricano ed evidenziando il prevedibile divario di assistenza tra ricchi e meno abbienti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti positivi al Covid, protesta in Calabria

Croazia presa d'assalto dai turisti "low cost"

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano