ULTIM'ORA
This content is not available in your region

George Floyd disse più di 20 volte che non riusciva a respirare

George Floyd disse più di 20 volte che non riusciva a respirare
Diritti d'autore  Nam Y. Huh/Copyright 2020 The Associated Press
Dimensioni di testo Aa Aa

George Floyd ha ripetuto più di venti volte che non riusciva a respirare appena prima di morire, secondo i documenti del tribunale. Parlava dei suoi figli e della madre, e ai poliziotti che lo tenevano fermo disse che lo avrebbero "ucciso" durante i concitati attimi del suo arresto a Minneapolis.

Floyd, uno statunitense di colore di 46 anni, è morto il 25 maggio quando un poliziotto bianco si è inginocchiato sul suo collo per quasi nove minuti mentre lo teneva ammanettato. La sua morte ha scatenato aspre e numerose proteste per tutti gli Stati Uniti e in tutto il mondo contro il razzismo e la brutalità della polizia.

In un video girato da un passante, diventato virale dopo la sua morte, si sente distintamente Floyd dire "non riesco a respirare". Ma le trascrizioni dei filmati delle bodycam (le videocamere poste sulla divisa di ogni agente), depositate martedì in un tribunale del Minnesota, hanno rivelato nuovi dettagli sull'incidente.

Cosa dicono le trascrizioni?

Al momento del suo arresto, Floyd ha pregato gli agenti di non metterlo nel veicolo della polizia dicendo che era claustrofobico. Mentre cercavano di costringerlo a salire, Floyd ha gridato che non riusciva a respirare e che sarebbe "morto lì dentro".

Poi, secondo la trascrizione, ha detto: "Mamma, ti voglio bene. Dì ai miei figli che gli voglio bene. Sono morto". Più volte ha menzionato sua madre e i suoi figli e oltre 20 volte ha ripetuto "non riesco a respirare". Nel frattempo, gli agenti di polizia gli intimavano di "rilassarsi", dicendogli che stava "bene". Quando Floyd ha detto che lo avrebbero ucciso, Derek Chauvin, accusato di omicidio per essersi inginocchiato sul collo dell'uomo, gli ha urlato contro: "E allora smettila di parlare, smettila di urlare, ci vuole molto ossigeno per parlare". Le ultime parole di Floyd sono state: "Mi uccideranno. Mi uccideranno. Non riesco a respirare".

Le trascrizioni sono state depositate dagli avvocati dell'agente di polizia Thomas Lane, che puntano a far cadere le accuse contro di lui per favoreggiamento in omicidio. Le stesse accuse sono state presentate anche contro Alexander Kueng e Tou Thao - gli altri due agenti coinvolti nella presa in custodia di Floyd. I quattro agenti sono stati licenziati il giorno dopo la morte di Floyd. Tutti rischiano fino a 40 anni di prigione