ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le nuove rivelazioni di John Bolton che fanno tremare la Casa Bianca

Le nuove rivelazioni di John Bolton che fanno tremare la Casa Bianca
Diritti d'autore  Susan Walsh/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

John Bolton, l'ex consigliere per la sicurezza di Trump, sgancia una nuova bomba sulla Casa Bianca. Martedì 23 giugno esce il libro "La stanza dove tutto è accaduto" in inglese "The Room Where It Happened: A White House Memoir", già in vetta alla classifica di vendite Amazon e al centro di una lunga disputa legale tra Bolton e la Casa Bianca.

L'amministrazione di Donald Trump ha fatto di tutto per evitare la pubblicazione del libro sostenendo che divulga informazioni classificate e metterebbe a rischio la sicurezza nazionale. Il tribunale finora ha respinto la richiesta.

John Bolton sostiene che Trump avrebbe chiesto alla Cina un aiuto per la sua rielezione alle prossime presidenziali.

Secondo quanto scrive Bolton, in un summit nel 2019 tra Trump e Xi Jinping, il presidente americano avrebbe cercato un accordo per commerciare i prodotti agricoli americani in Cina. Prodotti negli Stati che costituiscono il bacino elettorale di Trump.

L'accusa

Sarebbe successo durante una cena estiva a margine del G20 in Giappone e Trump avrebbe spiegato a Xi che aumentare gli acquisti da parte di Pechino di prodotti agricoli americani avrebbe migliorato le sue prospettive elettorali". E questo dopo aver ascoltato le motivazioni di Xi sulla costruzione di campi di concentramento per gli uiguri, Trump avrebbe mostrato comprensione e incoraggiato l'omologo nella sua politica. Ma non è tutto, mentre si consumava la guerra dei dazi, Trump si sarebbe rivolto a Xi definendolo "il più grande leader cinese degli ultimi 300 anni".

Chi si fida di Bolton e chi no

Che cosa avrebbe da perdere Bolton, diplomatico ormai in pensione? Si dicono i suoi sostenitori.

Che cosa avrebbero da perdere gli avversari di Trump se non 4 anni di Casa Bianca? Si chiedono i detrattori di Bolton?

In un'intervista a Martha Raddatz di ABC New, John Bolton non ha lesinato giudizi poco consoni a un presidente degli Stati Uniti.

"Bene, il presidente è essere un superbo commerciante quando si tratta di negoziare la vendita di beni immobili a Manhattan. Affrontare i trattati di limitazionsulle armi strategiche così come trattare altre questioni di sicurezza internazionale sono cose molto lontane dalla sua esperienza di vita ".

Immediato il tweet di risposta di Trump: il libro è pieno di menzogne e storie false. Quest'uomo ha parlato bene di me finché non l'ho licenziato, è solo un noiosetto paranoico pronto a fare la guerra, ma non aveva mai la risposta giusta".

John Bolton ha lavorato per Donald Trump dal marzo 2018 al settembre 2019. Numerose foto lo immortalano con il presidente nella sala Ovale sempre con un bloc-notes in mano. Secondo Bolton, Trump ha come un'ossessione per le prossime elezioni presidenziali.