ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Floyd: cauzione da un milione di dollari per l'agente

euronews_icons_loading
Floyd: cauzione da un milione di dollari per l'agente
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Una cauzione da un milione di dollari: non sarà facile uscire in attesa di processo per Derek Chauvin, l'agente di Minneapolis che immobilizzandolo in modo eccessivamente violento ha provocato la morte di George Floyd.

Ennesimo caso di violenza poliziesca, troppo spesso rivolta agli afroamericani, che lamentano, negli USA come altrove, anche discriminazioni in occasione dei controlli.

Da qui le proteste che da due settimane stanno interessando quasi tutti i grandi centri occidentali.

A Houston, dov'era nato Floyd, in centinaia hanno fatto la coda per l'ultimo saluto a un uomo dalla vita difficile, divenuto suo malgrado l'ultimo simbolo della lotta contro la discriminazione.

E l'ondata di proteste sembra spostare anche l'asse politico: gli strateghi elettorali di Donald Trump sono preoccupati dall'improvviso calo di consensi, nel momento in cui la scelta del tema al centro del dibattito gli è stata tolta di mano: non è più l'economia, non è la Cina, ora è il razzismo e va da sé che il 'law and order' repubblicano in questo momento ne esce un po' male.

I democratici al Congresso battono il ferro finché è caldo e presentano una proposta di riforma della polizia. Questo dopo il già annunciato smantellamento della polizia di Minneapolis.