Francia, Renault: sciopero revocato, ma le proteste continuano

euronews
euronews Diritti d'autore EN
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lo sciopero era iniziato lo scorso martedì nello stabilimento Renault di Choisy-le-Roi, che il gruppo automobilistico vuole chiudere entro il 2022

PUBBLICITÀ

Revocato lo sciopero iniziato lo scorso martedì nello stabilimento Renault di Choisy-le-Roi, che il gruppo automobilistico vuole chiudere entro il 2022.

La decisione è giunta alla vigilia di una nutrita manifestazione di protesta, finalizzata alla salvaguardia del sito, come diffuso da fonti sindacali.

"Non è possibile chiudere - tuona il Sindaco del villaggio, Didier Guillaume - cancellare 70 anni di una fabbrica, che è il patrimonio storico, culturale, sociale ed economico della Regione dell'Ile-de-France".

L'attività, dunque, riprende, ma i dipendenti sono tutt'altro che tranquilli, incalzano i sindacati, dopo l'incontro con i rappresentanti della Direzione generale, rilevando comunque l'importanza dell'arrivo di alti Dirigenti: in primis, il Presidente del gruppo, Senard.

Christophe Ena/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
AP PhotoChristophe Ena/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Renault mette per strada 15.000 dipendenti

Nuove proteste degli agricoltori in Francia, Attal: "Status speciale al settore agricolo"

Sbarco in Normandia, le spiagge del D-Day potrebbero entrare nel Patrimonio Unesco