A Dubai nel più grande magazzino dell'Onu dove si combatte il coronavirus

A Dubai nel più grande magazzino dell'Onu dove si combatte il coronavirus
Diritti d'autore Kamran Jebreili/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Kamran Jebreili/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Come l'OMS raggiunge due terzi della popolazione mondiale per sostenere la battaglia al Covid19

PUBBLICITÀ

Fra le riforme nascoste dell'Onu una di esse è stata quella di creare hub, giganteschi magazzini, in giro per il mondo per intervenire negli scenari di crisi. Fra le località c'è Brindisi, in Puglia. Qui siamo invece a Dubai che ospita il più grande di questi enormi magazzini. E' da qui che lo OMS fa partire molte delle sue operrazioni.

Cosi Robert Blanchard, portavoce dell'Oms: "Siamo in mezzo a una pandemia mai vista prima, adesso siamo in grado di distribuire questo materiale dovunque e rapidamente in modo da rispondere agli sforzi per ontenere il virus".

Finora sono state consegnate centinaia di migliaia di mascherine chirurgiche e guanti e oltre 100.000 tenute per medici al fine di proteggere i lavoratori della salute in giro per il mondo. Le restrizioni dei vari stat pero', hannno rappresentato nuove sfide logistiche globali.

Continua Blanchard: "Stiamo incontrando sempre maggiori difficoltà a cause delle restrizioni che ogni paese ha messo in atto. Stiamo lavorando con il governo degli emirati per distribuire materiale in Africa e in tutta l'Asia e in medio oriente grazie a voli charter".

Visti i territori interessati la posizione di Dubai è strategica.

L'italiano Giuseppe Saba, è uno dei cervelli dietro questa gigantesca operazione e dice: "Da Dubai ci vogliono fra le sei e le otto ore per raggiungere due terzi della popolazione mondiale. Oggi la pndemia mette a rischio l'intera popolazione mondiale, ma la posizione di Dubai ci permette di raggiungere velocemente i due terzi della popolazione del pianeta ".

I responsabili della base cercano di rispondere il più velocemente possibile alle richieste. E lo fanno con ulteriori timori. Che possano esserci nuove ondate di infezione da Covid 19, sommate ed altre emergenze umanitarie nei prossimi mesi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Città umanitaria internazionale di Dubai, l'hub da dove partono gli aiuti in tutto il mondo

Brasile, Bolsonaro accusato di aver falsificato le certificazioni Covid

Germania, farmacie sospettate di rivendere il farmaco anti-Covid in Russia e Ucraina