ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: Juventus in quarantena, rinviato il match con il Lione

euronews_icons_loading
France Soccer Champions League Virus Outbreak
France Soccer Champions League Virus Outbreak   -   Diritti d'autore  Christophe Ena/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

In barba all'epidemia di coronavirus, che ha isolato l'Italia e sta mettendo in ginocchio mezza Europa, circa 3.000 tifosi del Paris Saint-Germain si sono radunati fuori dal Parco dei Principi per dare supporto alla loro squadra, che si giocava a porte chiuse la qualificazione ai quarti di finale di Champions League. Addirittura dopo il fischio finale, il terzino Layvin Kurzawa è andato a festeggiare tra gli ultrà.

Un gesto irresponsabile, per molti, anche considerando che pochi minuti dopo la Juventus annunciava al mondo il primo caso di positività in Serie A. Si tratta del difensore Daniele Rugani. Lo stesso giocatore ha voluto rassicurare i tifosi, attraverso un tweet.

Giocatori bianconeri e interisti (con i quali si erano scontrati lo scorso weekend) sono in isolamento. Cristiano Ronaldo, che era tornato in Portogallo per fare visita alla madre (colpita da un ictus nei giorni scorsi), resta nel suo Paese. Giovedì pomeriggio è arrivata intanto l'ufficialità: Juventus-Lione e Manchester City-Real Madrid sono state rinviate. Si attende ora la risposta della Uefa, per una decisione più ampia, in merito alla sospensione - come successo in NBA - o addirittura la cancellazione della più prestigiosa competizione europea. L'organismo che regola il calcio continentale ha fatto sapere che martedì 17 marzo ci sarà un meeting in videoconferenza, durante il quale si parlerà del futuro di coppe Europee, Euro 2020 incluso.

Nel frattempo la Sampdoria ha reso noto che Manolo Gabbiadini è risultato positivo. Il 28enne attaccante ha qualche linea di febbre, ma sta bene.

Stop anche per la Liga, controlli al Real Madrid

Nel frattempo si ferma anche la Liga spagnola, almeno per due turni. Un cestista del Real Madrid è risultato infatti positivo e il club madridista ha attivato un protocollo di sicurezza, sia per la squadra di basket che per quella di calcio. Calcio e basket, nel centro di allenamento di Valdedabas, condividono infatti alcuni spazi e pertanto il protocollo è stato attivato per tutti.