ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La 5G interferisce con i satelliti meteo?

La 5G interferisce con i satelliti meteo?
Diritti d'autore
Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La 5G sarà una rivoluzione tecnologica che dovrebbe trasformare la maniera di comunicare. Il problema è che si necessitano enormi infrastrutture, sulla terra, in acqua e nello spazio. Il problema è infatti che le frequenze usate dai satelliti, di 24 gigahertz, andranno a interferire con le frequenze della 5g. Il problema non è solo che le comunicazioni potrebbero venire disturbate. Queste particolari frequenze sono usate per individuare le molecole dell'acqua e potrebbbero quindi falsare tutte le previsioni dei satelliti meteorologici.

Una stazione o anche un satellite che usi tecnologia 5g non costituiscono ovviamente un problema, è l'intera infrastruttura a creare problemi in quanto le emission radioelettriche fuori dalle frequenze così invvasive della 5G potrebbero confondere tutti i dati dei satelliti e quindi impedire delle previsioni che sono diventate negli anni sempre più precise, riportando la meteorologia indietro.

Bea Szabo: “Il vapore acqueo emette un basso segnale fissato a una determinata frequenza, dice un'esperta. Può essere misurato con strumenti precisi. La 5G interferisce con queste frequenze e potrebbe quindi falsare i dati".

Anche in Ungheria il gigante delle telecomunicazioni cinese Huawei ha assicurato Euronews come il problema non si ponga neppure visto che i 26 gigahertz della 5G sono avrebbero un loro spettro e non entrerebbero in conflitto.

L'authority per le telecomunicazioni afferma come non ci siano piani pper usare le frequenze menzionate da Huawei, frequenze comunque diverse da quelle dei satelliti meteo e l'uso sarebbe comunque in aree distanti da quelle che interessano i meterologi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.