ULTIM'ORA

Nuova Zelanda, recuperati i cavaderi di sei delle vittime del vulcano

Nuova Zelanda, recuperati i cavaderi di sei delle vittime del vulcano
Diritti d'autore
New Zealand Defence Force/Handout via REUTERS
Dimensioni di testo Aa Aa

Le squadre di soccorso in Nuova Zelanda sono riuscite a recuperare i corpi di sei delle vittime investite dall'eruzione del vulcano Whakaari, su White Island. Anche i cadaveri degli ultimi due dispersi sono stati individuati, ma - data la loro ubicazione - recuperarli sarebbe stato troppo pericoloso.

Negli ultimi giorni, infatti, il Vulcano ha iniziato a emettere gas fortemente tossici, provocando inoltre un'intensa attività sismica sull'Isola. Secondo gli esperti della protezione civile, inoltre, il rischio di una nuova eruzione, al momento, è ancora parecchio alto.

"L'attrezzatura che gli operatori stanno indossando sull'isola è significativa in termini di peso e di limitazioni di movimento - ha chiarito il vice commissario di polizia Mike Clement - perché deve proteggere da fattori ambientali avversi. E dobbiamo essere preparati a un'eventuale nuova eruzione è un rischio che non possiamo escludere. Quindi devono muoversi lentamente, in modo efficace".

In un tweet la polizia neozelandese ha fatto sapere che almeno uno dei corpi si troverebbe in acqua, e al momento i sommozzatori stanno cercando di recuperarlo.

Nel frattempo, i familiari dei sei deceduti, che per tre giorni hanno atteso sulla terraferma, si apprestano ora a seppellirli. Ma il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi, perché più di venti persone sono negli ospedali della Nuova Zelanda e dell'Australia, la maggior parte con gravi ustioni.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.