EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

COP25: il menu sostenibile senza carne per la tutela dell'ambiente

COP25: il menu sostenibile senza carne per la tutela dell'ambiente
Diritti d'autore 
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Madrid il momento conviviale per abbattere l'impronta ecologica

PUBBLICITÀ

Dì loro cosa mangiano e gli ricorderai cosa perseguono. È così che, parafrasando Feuerbach, alla COP25 di Madrid, l'emergenza climatica si affronta anche a tavola . Bandita la carne, la cui impronta ecologica ha un rilevante impatto climatico, gli chef spagnoli Roca, tre stelle Michelin, hanno proposto un menu sostenibile a base di proteine vegetali.

"Quello che voglio - ha detto il premier spagnolo Pedro Sánchez rivolgendosi a Guterres - è quello che vuole la maggioranza della popolazione. Questo incontro è un punto di svolta, per evitare quello che lei, Segretario generale, ha menzionato nel suo discorso di apertura e per operare per la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici".

Nel tweet di Sánchez: "Multilateralismo per affrontare l'emergenza climatica. Abbiamo bisogno di più azioni da parte di tutti i Paesi per limitare l'aumento di 1,5 gradi nel nostro pianeta. COP25 deve essere decisivo per evitare un punto di non ritorno. È una sfida che riguarda tutta l'umanità".

"Credo che con l'Europa unita su questo - ha rilanciato António Guterres - sia possibile un negoziato di successo con gli altri attori chiave, siano essi Stati Uniti, Cina, India, Giappone. E abbiamo bisogno di questo negoziato per essere sicuri di riuscire a sconfiggere efficacemente il cambiamento climatico".

Il tweet di Guterres: "Tutti i nostri sforzi #ClimateAction saranno completamente vanificati senza il pieno impegno dei grandi inquinatori. Stiamo ancora aspettando un movimento di trasformazione dalla maggior parte dei paesi del G20, che rappresentano i tre quarti delle emissioni globali. #COP25"

Alla COP vanno in scena forma e sostanza in una cornice che ha il compito di sensibilizzare sulla deriva ambientale. Come nel caso dei Pollution Pods dell'artista scozzese Pinsky: stanze nelle quali il visitatore viene avvolto in per ovvie ragioni innocue nebbie scure che riproducono gli ambienti più insalubri di alcune delle metropoli più inquinate al mondo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ambiente: l'Unione Europea è lontana dagli obiettivi climatici del 2030

Cop25, arriva Greta Thunberg dopo la traversata atlantica

Gaza ricorda la Nakba di 76 anni fa mentre l'offensiva a Rafah est costringe i rifugiati alla fuga