ULTIM'ORA

"Fusione paritetica" tra Fiat-Chrysler e Peugeot-Citroën: chi ci guadagna di più`?

John Elkann sarà il futuro Presidente della nuova società nata dalla fusione tra FCA  e PSA.
John Elkann sarà il futuro Presidente della nuova società nata dalla fusione tra FCA e PSA. -
Diritti d'autore
REUTERS/Alessandro Garofalo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Fumata bianca. La fusione è cosa fatta.

L'espressione chiave, in realtà, è "fusione paritetica". 50% e 50% tra Fiat-Chrysler Automobiles e il gruppo francese PSA, proprietario dei marchi Peugeot, Citroën, Opel e Vauxhall.

In un comunicato congiunto è stato spiegato che i due gruppi «progettano di unire le forze per creare un leader mondiale in una nuova era della mobilità sostenibile».

Nel comunicato, FCA parla di «sinergie annuali a breve termine stimate in circa 3,7 miliardi di euro, senza chiusure di stabilimenti».

Un colosso mondiale

Dalla fusione nasce cosi il quarto costruttore automobilistico al mondo per vendite annuali (8,7 milioni di veicoli), alle spalle soltanto di Volskwagen, Toyota e Remault-Nissan-Mitsubishi, il secondo in Europa.

Sarebbe un gruppo dal valore di circa 45 miliardi di euro, con ricavi annui per 170 miliardi di euro, un utile operativo annuo di oltre 11 miliardi di euro, più di 140 stabilimenti e oltre 400.000 dipendenti.

Elkann Presidente, Tavares Amministratore Delegato

Nella nuova società nata dalla fusione, PSA dovrebbe avere sei posti nel consiglio di amministrazione, mentre FCA ne avrebbe cinque. Il CEO di Peugeot, il portoghese Carlos Tavares (61 anni), diventerebbe l’Amministratore Delegato della nuova società, mentre John Elkann (43 anni) occuperebbe il ruolo di Presidente.

Carlos Tavares, CEO di PSA.

Nel comunicato si precisa che entrambi i consigli hanno dato mandato ai rispettivi team di portare a termine le discussioni per raggiungere nelle prossime settimane un "memorandum of understanding" vincolante.

Dopo il fallimento con Renault...

La notizia sull’accordo di fusione tra i due gruppi è arrivata mesi dopo i colloqui per una possibile fusione tra FCA e Renault, che erano falliti a causa dell’opposizione del governo francese, importante azionista della società, e di Nissan Motor Co, partner di Renault.
Fiat Chrysler aveva, però, già esplorato in passato una possibile alleanza con Peugeot.
Fino alla fumata bianca di oggi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.