EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Romania: la tragedia del Collective alla Mostra del Cinema di Venezia

Romania: la tragedia del Collective alla Mostra del Cinema di Venezia
Diritti d'autore 
Di Wolfgang Spindler
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Romania: la tragedia del Collective alla Mostra del Cinema di Venezia. 27 giovani morirono subito e 37 in ospedale, anche se non erano in pericolo di vita. Lo scandalo costrinse alle dimissioni il Primo ministro Victor Ponta.

PUBBLICITÀ

La corruzione della sanità rumena protagonista del nuovo docu-film di Alexander Nanau. La pellicola è stata presentata alla Mostra del Cinema di Venezia.

La storia racconta l'incendio del night club Collective, il 30 ottobre 2015. 27 giovani morirono subito e 37 in ospedale, anche se non erano in pericolo di vita. Lo scandalo costrinse alle dimissioni il Primo ministro Victor Ponta.

Il responsabile della redazione Cultura di Euronews, Wolfgang Spindler, ha incontrato il regista a Bucarest.

"Penso che la sfida più grande sia stata quella di bilanciare perché abbiamo tre storie: abbiamo i giornalisti, abbiamo i cittadini che sono anche le vittime dell'incendio e i genitori di coloro che sono morti nell'incendio e abbiamo lo Stato, abbiamo il sistema - spiega Alexander Nanau - E il film è pura osservazione, quindi è davvero "cinéma vérité", guarda dietro le porte chiuse nelle sale stampa, dietro le porte chiuse nel ministero della salute ed è molto intimo con i cittadini comuni".

"Sì di sicuro, tutti nel ministero mi hanno detto 'vai via con la telecamera, non filmarci, non puoi stare qui dentro'. La più grande fortuna è stata quella di aver incontrato un nuovo ministro della salute dalla mentalità molto aperta che non veniva dal potere e dalla politica, era più o meno un attivista- aggiunge il documentarista - La storia è in realtà come un vero e proprio thriller della vita tra giornalisti, stato e cittadini. Quindi penso che non soddisfi il cliché, ma sta dimostrando che c'è una grande spaccatura nella società, come in tutte le società europee, tra le persone e coloro che sono al potere e che il cliché che la gente ha sulla Romania può essere applicato solo a chi è al potere".

Alexander Nanau ha seguito l'evento così come è accaduto, il suo docu-film o è uno sguardo senza compromessi sull'impatto del giornalismo investigativo, ma è anche un ritratto delle persone che lottano - come novelli don chisciotte - contro la corruzione.

Al film ha collaborato anche un sopravvissuto del Collective che si è unito alla produzione subito dopo il suo risveglio dal coma.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Giovanni Toti ai domiciliari: il presidente della Liguria è accusato di corruzione

Denis Verdini torna in carcere, era evaso dai domiciliari a Roma per partecipare a delle cene

Ucraina: arrestato e poi rilasciato su cauzione il ministro dell'agricoltura Mykola Solsky