Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Amazzonia, scienziato della NASA smonta con immagini satellitari le accuse di Bolsonaro

Amazzonia, scienziato della NASA smonta con immagini satellitari le accuse di Bolsonaro
Diritti d'autore
Foto aerea nella zona di Porto Velho, Rondonia, - REUTERS/Ueslei Marcelino
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Uno scienziato della Nasa ha pubblicamente sbugiardato il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, sulla scorta di precise immagini satellitari.

Bolsonaro è arrivato ad accusare i gruppi ambientalisti di aver appiccato volontariamente gli incendi al polmone verde più grande del mondo. L'istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale (Inpe) ha indicato almeno 2.500 nuovi roghi nelle ultime 48 ore, a dispetto dell'allarme lanciato dal presidente francese Macron e dalle Nazioni Unite.

Secondo Doug Morton, le foto satellitari mostrano che il processo di deforestazione nella foresta amazzonica avviene "in due parti": prima gli alberi vengono tagliati e fatti seccare, quindi le stesse pile di legna, rimosse mesi fa, vengono date alle fiamme.

"Stanno facendo un immenso falò di legna dell'Amazzonia che è stata lasciata a seccare al sole per parecchi mesi", le parole dello scienziato all'Associated Press. "Quindi stiamo assistendo alla seconda parte di una storia, iniziata con le nostre osservazioni su un incremento del processo di deforestazione. Quelle aree possono venire usate per l'agricoltura solamente se vengono date alle fiamme".

Il fumo visto dallo spazio - NASA
La immagini mostrano il fumo che si leva dallo stato di Rondonia, nel nord del Brasile - NASA Satellite image ©2019 Maxar Technologies/Handout via REUTERS
ibid.

Morton si è anche concentrato sugli effetti di vasta portata degli incendi. "Il fuoco sta ardendo direttamente nella foresta pluviale, rilasciano il carbonio immagazzinato negli alberi. Questo entra poi nell'atmosfera come anidride carbonica o metano, contribuendo ai gas serra che causano il cambiamento climatico. Il risultato è un pianeta più caldo e secco. Sappiamo anche che questi incendi liberano piccole particelle che si depositano nei polmoni delle persone che vivono nelle vicinanze e anche in quelli di coloro che vivono più lontano. Queste stesse particelle assorbono o riflettono la luce del sole: non assistiamo quindi solamente ad un cambiamento nei livelli di qualità dell'aria, ma anche del clima".

Il capo dello staff di Bolsonaro, Onyx Lorenzoni, giovedì scorso ha accusato i paesi europei di esagerare la portata del problema per causare danni commerciali al Brasile. "Esiste deforestazione in Brasile, certo, ma non al ritmo e al livello che si dice", riferisce il sito di notizie brasiliano globo.com.

Morton si è espresso sostenendo le posizioni dell'Inpe, l'agenzia federale di monitoraggio della deforestazione e degli incendi, il cui direttore è stato costretto a dimettersi all'inizio di agosto dopo aver risposto alle accuse del presidente secondo cui i dati sulla deforestazione sono stati alterati per danneggiare la reputazione della sua amministrazione.

"Gli Stati Uniti e il Brasile hanno avuto una stretta collaborazione scientifica negli ultimi vent'anni, quando ho lavorato in Amazzonia", ha detto. "In realtà facevo parte del team che ha contribuito a sviluppare il programma di monitoraggio della deforestazione brasiliana con un nuovo satellite che abbiamo lanciato all'inizio degli anni 2000".

"La competenza scientifica e tecnica per l'analisi e l'interpretazione delle immagini satellitari in Brasile è così elevata che, dopo lo sviluppo di quel sistema, l'Inpe ha lavorato senza un grande coinvolgimento della NASA", ha aggiunto Morton.

Le Ong rispondono alle accuse

Bolsonaro non ha fornito alcuna prova a sostegno delle sue accuse contro le Ong, accusate - secondo indizi "molto forti" - di aver appiccato incendi in risposta ai tagli di budget nei confronti delle organizzazioni non governative della sua amministrazione.

Amnesty International accusa direttamente il governo brasiliano per gli incendi: la responsabilità di fermarli "spetta direttamente al presidente Bolsonaro e al suo governo".

"Devono cambiare la disastrosa politica che apre la foresta pluviale alla distruzione, che poi è quanto ha spianato la strada all'attuale crisi", sono state le parole di Kumi Naidoo, segretario generale di Amnesty. "Invece di diffondere menzogne oltraggiose che negano la portata della deforestazione, esortiamo il presidente brasiliano Bolsonaro ad agire immediatamente per fermare l'avanzata degli incendi che imperversano nella foresta pluviale amazzonica da diverse settimane".

Anche il WWF ha reagito alle affermazioni di Bolsonaro, affermando che servono a distogliere "l'attenzione da ciò che conta davvero: il benessere della natura e della gente dell'Amazzonia".

Circa il 60% della foresta amazzonica si trova in Brasile. La distruzione del "polmone del Pianeta" potrebbe avere gravi conseguenze sul clima globale e sulle precipitazioni.

Una manifestazione davanti all'ambasciata brasiliana di Parigi - REUTERS/Charles Platiau

Dopo settimane ad insistere di non aver bisogno di aiuto per combattere gli incendi, giovedì 22 Bolsonaro ha ammesso che il governo brasiliano non ha i fondi necessari per spegnere la gran quantità di roghi sorti su una superficie enorme, che copre anche Stati limitrofi come la Bolivia e il Peru.

L'incendiario presidente di estremadestra ha ripetutamente affermato di ritenere che il Brasile debba aprire l'Amazzonia agli interessi commerciali, al fine di consentire alle società minerarie e forestali di sfruttare le sue risorse naturali.

All'inizio di questo mese, la Norvegia e la Germania hanno sospeso i finanziamenti per progetti volti a frenare la deforestazione in Brasile dopo essere stati allarmati dai cambiamenti nel modo in cui i progetti sono stati selezionati nell'ambito di Bolsonaro.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto sul suo account twitter gli incendi nella foresta amazzonica sono un'emergenza internazionale e dovrebbero essere discussi dal vertice del G7 che inizierà sabato 24 agosto a Biarritz, in Francia.

Anche se gli incendi sono un evento regolare e naturale durante la regolare stagione secca in questo periodo dell'anno, gli ambientalisti hanno accusato il forte aumento degli agricoltori che hanno dato fuoco alla foresta per liberare la terra per il pascolo.

I pubblici ministeri federali in Brasile hanno detto che stanno indagando su un picco di deforestazione e incendi che imperversano nello stato amazzonico del Para per determinare se ci sia stato ridotto il monitoraggio e l'applicazione delle protezioni ambientali.

La tribù Mura vota di combattere "all'ultimo sangue" per proteggere la propria terra

Nel cuore dell'Amazzonia, gli indigeni Mura hanno fatto voto di proteggere la propria terra contro le minacce dell'agricolutura, della deforestazione e degli incendi.

Servizio a cura di Reuters/Ueslei Marcelino

La tribù dei Mura ha una lunga storia di resistenza, in Amazzonia, e ha promesso di non darla vinta al governo Bolsonaro. Durante il periodo coloniale è stata in grado di resistere contro l'invasione portoghese, sopravvivendo ad epidemie come il morbillo e il vaiolo.

Oggi, in Brasile vivono circa 15mila Mura in una zona indigena speciale: qui possono pescare ed cibarsi di quanto offre la foresta come hanno fatto i loro antenati per generazioni.

"Daremo fino all'ultima goccia di sangue per questo posto, per gli sforzi che abbiamo fatto, per questa foresta", ha dichiarato a Reuters uno dei leader della tribù, Raimundo Mura. "Ciò che viene fatto qui è un'atrocità contro di noi. Nessuno se lo aspettava, ma sta accadendo e ci fa molto male. Nel corso degli anni abbiamo resistito qui: quando non c'erano strade, quando è arrivata l'elettricità, quando è avvenuta l'invasione. E ogni giorno che passa vediamo l'avanzata della distruzione: deforestazione, invasione, disboscamento. Siamo tristi perché la foresta sta morendo in ogni momento, sentiamo il cambiamento climatico e il mondo ha bisogno della foresta. Ne abbiamo bisogno e i nostri figli ne hanno bisogno".