EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Si allunga la barriera di filo spinato tra Slovenia e Croazia

Si allunga la barriera di filo spinato tra Slovenia e Croazia
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Slovenia ha cominciato a costruire una barriera al confine con la Croazia

PUBBLICITÀ

Dalle parole ai fatti. Era stato annunciato mesi fa e ora, la Slovenia ha iniziato a costruire nuovi chilometri della barriera di filo spinato al confine con la Croazia, per far fronte ai flussi migratori in aumento in alcuni tratti del confine.

Secondo un'emittente locale nelle prossime settimane saranno posti almeno quattro chilometri aggiuntivi di filo spinato, in particolare nelle aree a ridosso del fiume Kupa tra le località di Vinica e Zunica. Chi è contro e chi no a questo filo spinato, come il sindaco di Crnomlje, Andrej Kavsek, che ci racconta come la recinzione sia sicuramente uno strumento per aiutare la polizia a bloccare chi cerca di attraversare i confini in modo illegale. “Non possiamo fermare tutti, non possiamo chiudere definitivamente il confine e fermare l’afflusso di migranti, ma la situazione potrà migliorare con questa recinzione, veranno installate telecamere di sicurezza, droni e altri dispositivi tecnici utilissimi.”

Il ministero dell'Interno di Lubiana ha chiarito che le barriere aggiuntive sono poste nelle aree dove è stato ritenuto necessario dalla polizia per prevenire l'aumento dell'immigrazione illegale. Attualmente, secondo i dati diffusi dalla stampa slovena, ci sarebbero 179 chilometri di "barriere tecniche temporanee" lungo il confine sloveno-croato, di cui 116 con filo spinato e 63 con pannelli.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Slovenia, controlli al confine con Croazia e Ungheria. Ci sono problemi di sicurezza

Polonia: maxi finanziamento per rafforzare il confine con Bielorussia e Russia

Croazia: c'è l'accordo fra Hdz e Movimento patriottico su nuova maggioranza di governo