Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Rifiuti elettronici: ne produciamo troppi. Che fare?

Rifiuti elettronici: ne produciamo troppi. Che fare?
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Ma quanto ne produciamo?

Oltre 44 milioni di rifiuti elettronici sono stati prodotti nel mondo nel 2017. Un singolo individuo ne produce circa 3 tonnellate anche se il suo telefonino è chiuso nel cassetto di casa e non è finito in una discarica.

Così la Royal Society of Chemistry, che denuncia che quasi la metà di tutte le famiglie del Regno Unito hanno in casa ancora vecchi cellulari, computer e tablet.

Un rapporto parlamentare ha sottolineato, invece, che fino al 90% dei rifiuti elettronici in tutto il mondo non viene smaltito correttamente.

Mindy Dulai della Royal Society of Chemistry:

"Secondo i dati di un campione, di una statistica fatta nel Regno Unito, possiamo stimare che potrebbero esserci fino a 40 milioni di dispositivi inutilizzati. Se la cosa è vista a livello globale, il risultato sarà milioni e milioni devices che sono inutilizzati ".

"Quello che raccomandiamo è un processo che passi per il riutilizzo e la riduzione. Quando pensiamo ai nostri giocattolini elettronici, dovremmo dire: posso tenerlo ancora un anno? posso darlo o venderlo a un amico o a un parente. Dobbiamo cercare di fare il miglior uso. Ultima cosa: dobbiamo vedere se possiamo riciclarli. E quello che chiediamo sono strutture e infrastrutture per per assicurarci che le cose vengano riciclate e recuperate correttamente ".

Riciclare e usare in modo sapiente

Riciclare come si deve diventa prioritario. Infatti, stando a numerosi rapporti sono migliaia le tonnellate di rifiuti elettronici che invece che essere riciclati vengano spediti in altre Paesi. Come Filippine e Malesia che hanno annunciato di voler restituire tonnellate di materiale plastico a Paesi come Austrialia, Canada e Francia. I rifiuti elettronici contengono anche elementi, come Litio e tungsteno, che posono contaminare le falde acquifere.