Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Stranieri, a tempo pieno, maschi, sotto i 30 anni: chi sono i rider della metropoli italiana

Stranieri, a tempo pieno, maschi, sotto i 30 anni: chi sono i rider della metropoli italiana
Diritti d'autore
REUTERS/Charles Platiau/File Photo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

In Spagna una sentenza del tribunale di Madrid ha stabilito che i fattorini di Deliveroo debbano essere considerati dipendenti dell'azienda, non collaboratori o freelance. L'azione legale è partita da un'indagine delle autorità, ovvero dell'ispettorato del lavoro, e riguarda 500 rider e stabilisce un precedente che non potrà non essere tenuto in considerazione anche da altre aziende del settore come Glovo o Uber. E non solo da quella parte dei Pirenei.

Anche in Francia, infatti, è stata annunciata per la prima volta una class action contro UberEats, gigante delle consegne di cibo a domicilio. I legali di Tolosa sperano di rappresentare almeno 500 fattorini (dei 20mila che si stima essere presenti nel Paese) e richiedere, per ciascuno, una compensazione economica fino a 10mila euro. Quanto all'Italia, ad aprile dello scorso anno il Tribunale di Torino ha confermato con una sentenza che i fattorini di Foodora non possono essere considerati lavoratori subordinati.

Qual è il profilo dei lavoratori dell'app economy?

Una ricerca dell'Università degli Studi di Milano del febbraio 2019 ha tracciato il profilo di questi lavoratori "psedo-autonomi deboli", a cottimo, con contratti precari e di breve durata, reiterati nel tempo, soggetti a "abuso di posizione dominante da parte del datore di lavoro".

Come emerge dallo studio, sono in prevalenza stranieri, quasi la metà ha scarsa conoscenza dell'italiano e il riding è la loro principale attività remunerata. Gli italiani sono una relativa minoranza, soprattutto studenti.

In breve: la mancata conoscenza dell'italiano, la difficoltà ad organizzarsi in forme di tutela individuale e la scarsa conoscenza della disciplina contrattuale sono ostacoli decisivi "al momento di firmare il contratto o rivendicare i propri diritti”, commenta uno degli autori dello studio a Wired.

Milano è stata la prima città italiana in cui le app sono sbarcate ed è quella con la comunità di corrieri più numerosa; il profilo dei rider nel capoluogo meneghino differisce però da quello di città come Bologna dove la componente studentesca è ancora preponderante ed è attivo il primo sindacato italiano di categoria, la Riders Union.

Per approfondire: