Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Francia: è morto Vincent Lambert

Francia: è morto Vincent Lambert
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Vincent Lambert è morto a poco più di una settimana dalla sospensione delle cure, dell'idratazione e della nutrizione. Sedato, così come vuole la legge francese. Da 11 anni in stato vegetativo il suo caso ha spaccato la Francia oltre che la sua famiglia. Da una parte i genitori, che volevano continuare a mantenerlo in vita, dall'altra parte la moglie Rachel, che assieme al nipote, voleva staccare la spina.

"Era quello che aspettavamo da anni, eravamo pronti da anni - dice il nipote François Lambert - La razionalità finalmente ha prevalso. Vincent era in stato vegetativo, non avrebbe mai voluto vivere così. Per rispettarlo bisognava smetterla di mantenerlo in vita in questo stato e finalmente è andata così, è potuto andar via nelle migliori condizioni possibili date le circostanze, ma comunque è potuto andar via, spero riposi in pace".

Dopo anni di battaglie lunedì anche i genitori si sono detti rassegnati. Anche se il padre aveva parlato di omicidio, di eutanasia. Secondo l'altra parte della famiglia invece si trattava di rispettare la sua volontà espressa però solo oralmente in tempi non sospetti, ben prima quindi dell'incidente del 2008 che ha cambiato la sua vita

"E' stata una rottura irreversibile, ma non è un dramma. Lo scopo non era far morire Vincent o interrompere le cure... E' stato presentato come un conflitto familaire che doveva essere risolto con la tutela, ma in realtà lo scopo vero era quello di rispettare Vincent".

La morte di Vincent ha spaccato il paese e fino all'ultimo gruppi di persone hanno protestato contro la decisione dei giudici di staccare la spina.

Cronologia del "caso" Vincent Lambert

29 settembre 2008 - Vincent Lambert, un infermiere psichiatrico di 32 anni, viene coinvolto in un incidente stradale nei pressi di Châlons-en-Champagne (dipartimento della Marne) mentre si reca al lavoro. Viene ricoverato a Reims in coma.

10 aprile 2013 - Un protocollo di fine vita viene firmato dai medici dell'ospedale universitario di Reims con il consenso della moglie Rachel. Vincent Lambert non viene più nutrito, la sua idratazione diminuisce e gli vengono somministrati dei sedativi.

11 maggio 2013 - Una decisione del tribunale amministrativo di Châlons-en-Champagne ordina la ripresa dell'alimentazione di Vincent Lambert. Sua madre intenta un'azione legale, in quanto l'ospedale universitario di Reims non aveva consultato tutti i membri della famiglia prima dell'entrata in vigore del protocollo di fine vita.

24 giugno 2014 - Dopo una nuova perizia, il Conseil d'État, a cui si è rivolta la moglie Rachel, decide di interrompere il trattamento.

10 luglio 2014 - L'ospedale universitario di Reims annuncia che avvierà una nuova procedura per interrompere il trattamento.

23 luglio 2014 - I medici si rifiutano di commentare, sostenendo che le condizioni di "necessaria serenità e sicurezza" non sono soddisfatte.

5 giugno 2015 - La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo si pronuncia a favore della moglie.

10 marzo 2016 - Il giudice della tutela di Reims nomina la moglie Rachel Lambert come tutrice di Vincent.

16 giugno 2016 - La Corte Amministrativa d'Appello di Nancy decide di riprendere le consultazioni di esperti che potrebbero portare ad un arresto del trattamento. Decisione confermata dal Consiglio di Stato nel luglio 2017.

9 aprile 2018 - L'ospedale universitario di Reims è ancora una volta a favore della "cessazione delle cure".

20 aprile 2018 - Il tribunale amministrativo, su richiesta dei genitori, ordina una nuova visita medica.

14 giugno 2018 - I tre medici esperti nominati dal tribunale gettano la spugna di fronte ai "tentativi di manipolazione e alle critiche".

18 novembre 2018 - La nuova perizia ordinata dal tribunale amministrativo conclude che lo "stato vegetativo cronico" di Vincent Lambert è "irreversibile".

31 gennaio 2019 - Il tribunale amministrativo di Châlons-en-Champagne approva la procedura di blocco dei trattamenti. Il Consiglio di Stato e la CEDU confermano questa decisione in aprile.

4 maggio 2019 - Una commissione ONU sui diritti delle persone con disabilità chiede alla Francia di sospendere qualsiasi decisione fino a quando non sarà in grado di esaminare il caso nel merito. La Francia non è "obbligata" a rispettare questa richiesta, dice il ministro della sanità Agnes Buzyn.

11 maggio 2019 - Il medico curante di Vincent Lambert annuncia alla famiglia la prossima interruzione del trattamento.

20 maggio 2019 - Il trattamento si interrompe dopo diversi appelli infruttuosi dei genitori. Ma in serata, la Corte d'appello di Parigi ordina il ripristino del trattamento fino alla decisione del comitato delle Nazioni Unite.

28 giugno 2019 - La Corte di Cassazione dichiara l'incompetenza della Corte d'Appello e annulla la sua decisione. Gli avvocati dei genitori di Lambert minacciano di denunciare il medico che ordina la sospensione delle cure per "omicidio premeditato".

2 luglio 2019 - Vincent Sanchez, medico dell'Ospedale Universitario di Reims, decide di interrompere nuovamente il trattamento, il terzo dal 2013.

8 luglio 2019 - I genitori di Vincent Lambert annunciano di essersi "rassegnati" alla sua morte, che ora è "inevitabile".

11 luglio 2019 - Suo nipote François annuncia la morte di Vincent Lambert alle 8:24 presso l'Ospedale Universitario di Reims.