ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ambientalisti portano la Francia in tribunale: fa troppo poco contro i cambiamenti climatici

Il Presidente Macron si rivolge al forum per l'ambiente delle Nazioni Unite
Il Presidente Macron si rivolge al forum per l'ambiente delle Nazioni Unite -
Diritti d'autore
REUTERS/Thomas Mukoya
Dimensioni di testo Aa Aa

Alcuni gruppi ambientalisti come Greenpeace e Oxfam hanno presentato un'azione legale senza precedenti contro il governo francese accusandolo di non mettere in atto sufficienti azioni a livello politico per fronteggiare il cambiamento climatico.

Le organizzazioni non governative puntano a persuadere il tribunale amministrativo di Parigi a costringere il governo ad applicare le politiche già enunciate, come il piano energetico pluriennale (noto come PPE) e gli accordi internazionali, come l'accordo di Parigi sul clima del 2015.

"Lo Stato non è all'altezza degli impegni che si è assunto, soprattutto nell'ambito dell'accordo di Parigi del 2015", ha dichiarato Cecile Duflot, ex ministro e attuale direttore esecutivo di Oxfam France. "Si tratta di un imputato come tutti gli altri, il nostro obiettivo è che sia condannato ad agire", ha aggiunto alla radio France Inter.

L'azione legale è sostenuta da una petizione online firmata da più di 2 milioni di persone e da altre ONG, tra cui la Fondazione Nicolas Hulot, creata da un ex ministro e noto ambientalista che si è dimesso dal governo del presidente Emmanuel Macron l'estate scorsa per i progressi ritenuti insufficienti contro il cambiamento climatico".

In un comunicato, Greenpeace ha dichiarato che la Francia è sulla strada sbagliata in termini di riduzione delle emissioni di gas serra, in aumento dal 2015.

"Questo atteggiamento di attesa non ha fatto che peggiorare la situazione nei settori dell'agricoltura, dei trasporti, dell'energia e della protezione della biodiversità. La Francia è in ritardo, ha bisogno di riavviarsi e di misure forti e urgenti". Nel testo si legge che l'esecutivo rifiuta di mettere in atto misure urgenti per raggiungere i suoi obiettivi.

Il ministro francese dell'ambiente, Francois de Rugy, ha negato le accuse, affermando sull'emittente BFM che l'azione legale non porterà ad una riduzione delle emissioni di gas serra.

Parlando a Nairobi, capitale del Kenya, a margine del One Planet Summit che ha lanciato nel 2017 per accelerare gli sforzi per affrontare il cambiamento climatico, il presidente Macron ha detto di non credere che l'azione giudiziaria porterà da qualche parte.

"La soluzione è in ognuno di noi. Su questa questione, non si tratta del popolo contro il governo. Queste sciocchezze dovrebbero finire", la risposta del Presidente francese ai microfoni di LCI Television. "Tutti noi dobbiamo agire. I governi devono agire. Le grandi imprese devono agire. Gli investitori devono agire. I cittadini devono agire. Tutti insieme".

Un progetto di legge sull'energia e sul clima che doveva essere presentato al governo questa settimana è stato rinviato in modo che possa essere rielaborato con obiettivi ambientali più ambiziosi.