Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Il Carnevale di Venezia alle prese con le prime problematiche legate alla tassa di sbarco

Il Carnevale di Venezia alle prese con le prime problematiche legate alla tassa di sbarco
Diritti d'autore
REUTERS/Manuel Silvestri
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Gioie e dolori a Venezia con l'affascinante Carnevale più antico del mondo, la Serenissima rinnova l'appuntamento più atteso dell'anno.

Spettacoli serali cerimonie tradizionali danze e sfilate fino all'incoronazione della Maria del Carnevale, la città lagunare si prepara a vivere l'edizione 2019.

Intanto il comune, affogato da turisti e costretto ora a tornelli e telecamere, ha dato il via definitivo alla tassa di sbarco introdotta dall'ultima legge di bilancio con tariffe che variano da 3 a 10 euro.

"Penso che la nuova tassa di sbarco per i turisti o per chi non si ferma più di una notte a Venezia sia una grande idea. La comunità in questo modo può usare il denaro per migliorare i servizi e salvare cosi Venezia", ha affermato un turista australiano.

Diverse saranno le esenzioni: si salvano, in sostanza, residenti studenti e lavoratori pendolari. Le reazioni tra turisti e residenti non sono unanimi. Tra le persone intervistate, un residente veneziano è preoccupato ad esempio del fatto che la città stessa possa diventare un museo a cielo aperto e che il fatto stesso che si paghi per entrare possa autorizzare a comportarsi "come meglio si crede".

ll provvedimento partirà a maggio e porta già con sé disdette nelle prenotazioni per il 2020 per quanto riguarda i territori fuori Venezia, con conseguente preoccupazione degli albergatori.

Diversa la posizione degli albergatori di Venezia città che hanno chiesto e promosso l'introduzione della tassa di sbarco.