EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Cuba a un bivio, il voto sulla riforma costituzionale rappresenta molto di più

Cuba a un bivio, il voto sulla riforma costituzionale rappresenta molto di più
Diritti d'autore REUTERS/Fernando Medina
Diritti d'autore REUTERS/Fernando Medina
Di Cecilia Cacciotto
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per la prima volta nell'isola caraibica, gli elettori potrebbero esprimere il proprio dissenso alla riforma sulla Legge fondamentale voluta dal governo. A scendere in campo anche Raúl Castro, segretario del Pcc

PUBBLICITÀ

Un voto che va oltre la riforma costituzionale

A qualche ora dal referendum sulla riforma della Costituzione a Cuba,  di fronte alla possibilità di un voto massiccio di dissenso da parte dei cubani, scende in campo lo stesso Raùl Castro, primo segretario del partito comunista di Cuba, per chiedere di votare a favore.

La società cubana sembra spaccata in due di fronte ai cambiamenti, per quanto minimi, introdotti dalla riforma che mantiene inalterato il sistema del partito unico.

Lei, Niurkys Hernandez, è sicura su come votare: 

"Voterò sì, per aiutare il presidente Diaz Canel, perché il momento che attraversiamo non è facile. È in questi momenti che dobbiamo farci sentire noi che sosteniamo Castro".

Invece Luis la pensa in modo diametralmente opposto: "Assolutamente no! Non esiste, non risolve alcunché, sia che voti sì sia che voti no. Il voto è solo una farsa".

Il contenuto della riforma

Tra le novità introdotte dalla riforma quella del mandato presidenziale che prevede due incarichi consecutivi della durata di 5 anni, la riforma introduce la proprietà privata, anche se resta un forte controllo governo centrale.

È stabilito infatti che  regolamenti statali determineranno, secondo i singoli casi,quanti beni si possano accumulare. Il Partito comunista si riserva peraltro il controllo sulle attività economiche private e riaccende la questione con i cuentapropistas, i lavoratori autonomi che oggi sono quasi 600.000 e rappresentano uno dei settori più attivi e redditizi dell’economia nazionale.

Dalla riforma sparisce invece qualsiasi rifermento ai matrimoni gay.

Si ribadisce invece che la pianificazione centrale e la statalizzazione delle aziende restano i pilastri dell'economia cubana e il principale obiettivo di Cuba resta  l’avanzamento verso la società comunista,  viene inoltre confermato che comunismo è una aranzia per il raggiungimento della piena dignità per l’essere umano.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cuba festeggia i sessant'anni della rivoluzione

Cuba: 2019 storico a 60 anni dalla Revolución

Spagna e Cuba sono più vicine: e nel 2019 arriva Re Felipe