Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pedofilia, il cardinale Barbarin: "Ho fatto come mi ha detto Roma"

Pedofilia, il cardinale Barbarin: "Ho fatto come mi ha detto Roma"
Dimensioni di testo Aa Aa

Si è aperto questo lunedì mattina a Lione il processo contro l'arcivescovo della città, il cardinale Philippe Barbarin, accusato di aver coperto, lasciandolo al suo posto per parecchio tempo, padre Bernard Preynat reo confesso di abusi sessuali su oltre 70 minori durante il periodo in cui era responsabile del gruppo scout, tra il 1970 e il 1980.

Questo processo è importante, speriamo che sia utile anche per altri casi, e che la gente cambi percezione del problema della pedofilia, dentro e fuori dalla chiesa

PIERRE-EMMANUEL GERMAIN-THILL vittima di pedofilia

VALERIE GAURIAT, corrispondente di EURONEWS:"La sala alle mie spalle è colma. Il cardinale Barbarin è una delle figure principali della Chiesa cattolica francese ed è stato, tra l'altro citato come uno dei possibili candidati al soglio papale. Per le presunte vittime, più che un processo ai singoli è un processo all'intero sistema. Quello della Chiesa cattolica e della sua tradizione di omertà".

Il processo al cardinale di Lione durerà fino mercoledi. Euronews ha chiesto un'opinione a una delle vittime, PIERRE-EMMANUEL GERMAIN-THILL: "Il processo è un modo per far rispondere di fronte alla giustizia le persone incriminate per fatti come questi. E' molto importante e speriamo che sia utile anche per altri casi, e che la gente cambi percezione del problema della pedofilia, dentro e fuori dalla chiesa".

Il vescovo è stato chiamato a comparire in un giudizio diretto per volere di dieci delle vittime che non si sono arrese di fronte all'archiviazione del caso da parte della procura che nel 2016 ha giudicato prescritto il reato di mancata denuncia.

Nel febbraio del 2016 il cardinale Barbarin aveva fatto pubblicamente mea culpa chiedendo perdono per non aver preso l'iniziativa di indagini approfondite e per non aver sanzionato il sacerdote immediatamente dopo aver ricevuto la prima testimonianza di abusi, atti che lui stesso definisce indegni del ministero ecclesiale.

"Mi sono fidato delle sue parole"
Si dichiara innocente il cardinale Barbarin. Ma i dettagli che sono venuti fuori dalla prima giornata sono inquientati. Il cardinale ha saputo delle molestie degli anni 80-90 nel 2010 e a quel punto ha incontrato il prete e si è fidato della sua parola che non c'era stato un seguito. Nel 2014 poi ha inoltrato al Vaticano la testimonianza di una vittima e di fronte alla richiesta di rimozione ha esitato per qualche mese "per non creare uno scandalo, come mi aveva chiesto Roma", dice Barbarin

"La questione è questa: il cardinale Barbarin ne sapeva abbastanza per poterlo andare a denunciare in procura - dice il suo avvocato - Ne sapeva abbastanza da poter chiamare il suo autista e farsi portare al palazzo di giustizia, questa è la domanda, non ce ne sono altre".

"Finora il dibattito è rimasto sul piano morale - dice François Devaux il confondatore dell'associazione delle vittime La Parole libérée - Finora era rimasto tutto sul piano dei media, dell'opinione pubblica. Ora ci rivolgiamo alla giustizia e vediamo se morale e giustizia stanno dalla stessa parte. Vediamo la giustizia da che parte sta"

Quest'anno si apre anche il processo a Bernard Preynat, il prete che il cardinale avrebbe coperto.