ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Di ritorno italiano bloccato in Kuwait

Di ritorno italiano bloccato in Kuwait
Libero di partire anche l'altro dipendente della Cmc, portoghese
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 7 DIC – Tornerà presto a casa, a Cesena,
Andrea Urcioli, il dipendente della ditta Cmc al quale era stato
imposto il divieto di lasciare il Kuwait a causa di una
controversia societaria. Lo ha annunciato la Farnesina. “Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione
Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, desidera “condividere la
buona notizia del provvedimento appena preso dalle Autorità del
Kuwait” che rimuove il divieto di lasciare il Paese che era
stato disposto nei confronti del cittadino italiano”. “La nuova
misura”, aggiunge il Ministro riferendosi alla rimozione del
divieto di viaggio, “prelude al ritorno a casa, a breve, del
nostro compatriota”. La Farnesina e l’Ambasciata d’Italia in
Kuwait si erano immediatamente attivate a tal fine. La Farnesina
aveva anche convocato, tre giorni fa, l’ambasciatore del Kuwait
in Italia. Fonti locali hanno precisato che il ‘travel ban’ è
stato rimosso anche per l’altro dipendente della Cmc, il
portoghese Ricardo Pinela. Il rientro di Urcioli è atteso in
giornata.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.