ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Brexit: oltre mezzo milione a Londra in piazza per un secondo referendum

Lettura in corso:

Brexit: oltre mezzo milione a Londra in piazza per un secondo referendum

Brexit: oltre mezzo milione a Londra in piazza per un secondo referendum
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono oltre mezzo milione, 570.000, i britannici che hanno preso parte a Londra ad una marcia per chiedere un referendum sull'intesa con l'Ue sulla Brexit. A riferirlo People's Vote gli organizzatori della manifestazione. Per il momento Scotland Yard si è limitata a dire di non essere in grado di "calcolare il numero di persone che hanno partecipato" alla protesta.Al margine del corteo è intervenuto anche il sindaco della città Sadiq Khan

Sadiq Khan, sindaco di Londra: alcune delle promesse fatte due anni fa non sono state mantenute. Nessuno parlava dell'eventulità di un accordo sulla Brexit non riuscito, nessuno parlava di un non accordo. E in quelle circostanze - per la prima volta - gli inglesi devono dare una loro opinione se vogliono o meno accettare il risultato di queste negoziazioni con l'opzione di restare nell'Ue.

Dall'altra parte di Londra nella zona di Harrogate dove è stata organizzata una protesta a favore invece del divorzio dall'Ue - il capo fila del movimento "Leave"- Nigel Farage spiega che il problema reale non è tanto la brexit quanto la May.

Sfortunatamente mi trovavo al summit europeo questa settimana in circostante davvero umilianti - il primo ministro ha deciso di estendere di un altro anno il periodo di transizione. Un altro anno in cui non faremo le nostre legge non contrelleremo i nostri confini non pescheremo il nostro pesce. E vuole dare altri 20 miliardi di sterline per farlo. Quindi il problema qui non è la Brexit ma Theresa May.

L'Eurosummit, non ha portato ai progressi sperati sulla Brexit, l'incontro straordinario di novembre è stato annullato, ma almeno a detta del Presidente del consiglio europeo Tusk nell'aria si respirava un'atmosfera di maggiore ottimismo. La premier May si è detta più fiduciosa di trovare un accordo sul divorzio con l'Europa.