ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Musica in lutto: è morto Charles Aznavour, la voce di Francia

Lettura in corso:

Musica in lutto: è morto Charles Aznavour, la voce di Francia

Musica in lutto: è morto Charles Aznavour, la voce di Francia
Dimensioni di testo Aa Aa

Addio a Charles Aznavour, il "Frank Sinatra di Francia". Il cantautore si è spento nella sua casa nelle Alpilles, in Provenza, all'età di 94 anni.

Un'intera vita consacrata alla musica: salì per la prima volta sul palco all'età di 9 anni. E fino all'ultimo ha voluto esibirsi davanti al suo pubblico. Il 26 ottobre era previsto un concerto a Bruxelles e poi a novembre ancora una tournée in Francia. Perché, aveva dichiarato più volte, smettere di cantare avrebbe siginificato morire.

Dopo un tour in Giappone, una caduta e la conseguente frattura al braccio lo avevano costretto quest'estate ad annullare i concerti, compresa l'unica data italiana del 23 giugno a Palmanova, in Friuli.

In un'intervista con ironia aveva immaginato la sua orazione funebre: "Vorrei che fosse breve, che non durasse due ore... E che la gente presente fosse felice, felice di essere viva", aveva detto.

Il presidente francese Emmanuel Macron omaggia su Twitter Charles Aznavour

La vita di "Aznavoice"

Di origini armene, Aznavour nasce il 22 maggio del 1924 da genitori artisti: suo padre era stato un baritono, sua madre un'attrice, che era riuscita a scampare al genocidio. A soli nove anni Aznavour è già immerso nel mondo artistico parigino.

L'incontro che gli cambierà la vita avviene nel 1946, quando il suo cammino si incrocia con quello di Édith Piaf, che accompagnerà nelle tournée in Francia e negli Stati Uniti.

Scrive e interpreta successi come La mamma, Et pourtant (1963), For me formidable (1964), Que c'est triste Venise (1964), La Boheme (1965) e Emmenez-moi (1967). Aznavour si esibisce sui piu importanti palcoscenici internazionali. Canta in sette lingue, persino in napoletano.

Ma grande è anche il suo impegno civile. Dopo il terremoto del 1988 nella sua Armenia, che contò oltre 25mila vittime, Aznavour si spende nella raccolta di fondi per i sopravvissuti e incide con 89 artisti un disco per beneficienza, che vende milioni di copie.

Nel 1994 porta tonnellate di aiuti alimentari e medicine ai rifugiati del conflitto del Nagorno Karabakh, donando più di tre milioni di franchi francesi, circa 500mila euro, per costruire un ospedale.

Nel 1997 il presidente Jacques Chirac gli conferisce la Legion d'Onore, per aver dato lustro alla Francia nel mondo. Nel 2006 presenzia alle commemorazioni del genocidio armeno del 1915. Al memoriale di Erevan canta l'Ave Maria, davanti al papa Giovanni Paolo II.

Nel 2008 Aznavour ottiene la cittadinanza armena, e nel 2009 diventa ambasciatore dell'Armenia in Svizzera e rappresentante permanente del Paese presso la sede Onu a Ginevra.

Molti cantanti e interpreti di fama internazionale hanno voluto duettare insieme a lui. Tra loro Julio Iglesias, che di Aznavour disse: "È forse il più grande artista pop del continente europeo".