ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chi sono i "prigionieri politici" nelle carceri russe

Lettura in corso:

Chi sono i "prigionieri politici" nelle carceri russe

Chi sono i "prigionieri politici" nelle carceri russe
@ Copyright :
Artista ucraino - Andriy Yarmolenko
Dimensioni di testo Aa Aa

Da 100 giorni il regista ucraino Oleg Sentsov, 42 anni, critico dell'occupazione russa in Crimea, è in sciopero della fame e non ha intenzione di interromperlo finché non saranno liberati tutti i prigionieri politici ucraini. Sentsov era stato arrestato il 24 maggio scorso e condannato a 20 anni di prigione con accusa di terrorismo.

Ma chi sono questi prigionieri politici di cui chiede il rilascio?

Lo stesso Sensov è uno di loro, considerato tale da numerose ong tra cui Amnesty e l'organizzazione russa per i diritti umani, Memorial. Secondo quest'ultima, ci sono almeno 183 persone dietro le sbarre nelle carceri russe per motivi politici e religiosi.

Sergei Davidis, a capo del programma di supporto per i prigionieri politici, ha detto a euronews che il tipo di persecuzione più diffusa nella Federazione Russa è quella religiosa.

I testimoni di Geova

Nel maggio 2017 le autorità russe hanno arrestato Dennis Christensen, testimone di Geova e cittadino danese

Il 46enne emigrato è stato fermato nella città di Orel, nella Russia occidentale, mentre leggeva la Bibbia insieme ad altri credenti.

Nell'aprile 2017 la Corte suprema russa ha bollato i Testimoni di Geova come "organizzazione estremista". La confessione cristiana è perseguitata nel paese e sono ben 22 "studenti biblici" sono ora in carcere per "aver compiuto attività estremiste". Agli arresti domiciliari si trovano altri 9 di loro.

Christensen è in carcere da circa un anno e mezzo, ma l'Associazione Europea dei Testimoni di Geova ha detto a euronews che non si fa illusioni, crede che la vicenda non avrà un esito positivo. "Ciò che sta accadendo nella Federazione russa si chiama persecuzione religiosa", ha detto un rappresentante della comunità, Yaroslav Sivulsky.

Dennis Christensen (sopra) e un raid contro i testimoni di Geova (European Association of Jehovah's Witness)

"Osserviamo il rifiuto totale della Federazione russa di rispettare i diritti umani, ovvero la libertà di coscienza e di religione", ha aggiunto Sivulsky.

Dopo la decisione della Corte Suprema russa, sono stati chiusi circa 400 filiali regionali dell'organizzazione religiosa e il suo bureau principale a San Pietroburgo.

Human Rights Watch ha lanciato un appello per il rilascio di Christensen.

Contattato da euronews, Paul Gillies, portavoce internazionale dei Testimoni di Geova presso la sede centrale di New York, ha così commentato: "Anche se per noi è impossibile prevedere se Dennis Christensen sarà rilasciato o meno, confidiamo nel fatto che non è colpevole di alcun reato legato alla sua attività di Testimone di Geova. Il fatto è che la sentenza della Corte Suprema ha liquidato solo le nostre entità giuridiche, le autorità russe hanno sostenuto che i singoli Testimoni di Geova sono liberi di praticare la loro fede".

I tartari della Crimea

Nell'inverno del 2016, sei persone, tra cui l'attivista per i diritti umani dei tartari di Crimea, Emir-Usain Kuku, sono state arrestate a causa della loro appartenenza all'organizzazione politico-religiosa Hizb ut-Tahrir, che dal 2003 è stata riconosciuta come organizzazione terroristica in Russia. Il gruppo è vietato in Russia ma è legale in Ucraina.

Secondo l'accusa, il gruppo si sarebbe riunito per studiare a tenuto riunioni in cui hanno studiato la letteratura di Hizb ut-Tahrir, discusso le relazioni tra Russia e Ucraina e pianificato di rovesciare l'attuale governo.

Amnesty International ritiene che le accuse contro Emir-Usein Kuku, e forse anche verso gli altri imputati, siano infondate.

Crimean Tatar Resource Center

Il presidente della comunità musulmana è condannato all'ergastolo. Gli altri a pene detentive fino a 20 anni.

Gli uomini arrestati e i loro sostenitori affermano che il caso sia motivato da fini politici. Secondo i leader tartari di Crimea, si tratta di una campagna repressiva lanciata dalle forze di sicurezza contro coloro che non sono d'accordo con la politica russa.

Ilmi Umerov, vice capo del Majlis tartaro, il principale organismo rappresentativo della comunità, ha domandato ironicamente a euronews: "Come fanno sei lavoratori normali a riunirsi per complottare di rovesciare il potere in Russia?"

L'acquisizione della Crimea da parte di Mosca nel marzo 2014 ha suscitato l'opposizione di molti tartari della Crimea, una minoranza considerevole nella regione.

Nel 2014 il presidente russo Vladimir Putin ha promesso che la Russia avrebbe trattato bene la minoranza prevalentemente musulmana e avrebbe affrontato quelle che, a suo dire, erano questioni relative ai diritti che fino a quel momento erano state ignorate o mal gestite dalle autorità ucraine.

"Hizb ut-Tahrir è un'organizzazione fondamentalista islamica, ma è presente con un forte impegno pacifico sul territorio", ha commentato Davidis. "Da molti anni queste persone sono perseguitate e imprigionate solo per aver condotto conversazioni effimere sulla dottrina islamica e sul califfato".

L'attivista per i diritti umani

Il capo della sezione cecena dell'organizzazione per i diritti umani Memorial, Oyuba Titiev, è stato arrestato nel gennaio 2018 nel villaggio di Kurchaloy della Repubblica cecena per possesso di droga.

Oyuba Titiev/ Reuters

"Quando la macchina è stata ispezionata dai poliziotti, è stato trovato un sacchetto con una sostanza di origine vegetale e un odore specifico di marijuana del peso di circa 180 grammi", ha detto il Ministero degli Interni. Secondo lo stesso Tetiev, la droga è stata messa lì a sua insaputa dalle autorità.

Secondo Davidis, il caso del suo collega è uno degli esempi più eclatanti di giustizia politicizzata: "Non si tratta solo di una persecuzione politica, ma anche di una persecuzione di un difensore dei diritti umani che difendeva i diritti altrui. Si tratta di un atto particolarmente pericoloso".

Titiev ha documentato violazioni dei diritti umani in Cecenia, tra cui la distruzione delle case di persone dichiarate "terroristi" ceceni, e ha svolto indagini sul rispetto dei diritti delle comunità LGBT.

"Memorial è irritante per le autorità cecene", continua Davidis. "Kadyrov e i suoi assistenti hanno ripetutamente affermato che Memorial è un male per il paese e le sue attività sono dannose".

Manifestanti contro la corruzione

Nel marzo 2017, la Russia ha assistito alle più grandi proteste pubbliche degli ultimi anni. Tuttavia, le indagini sugli eventi di quel giorno vengono tuttora utilizzate per punirne i partecipanti.

Manifestazioni di Mosca il 26 marzo 2017

Secondo diversi rapporti, tra 36mila e 88mila persone in 97 città hanno preso parte alla mobilitazione nazionale per dire no alla corruzione.

A Mosca sono state arrestate 1.043 persone. Dallo scorso anno, 9 di loro affrontano una sentenza penale.

Sono stati tutti accusati ai sensi dell'articolo 318 del codice penale russo per l'uso della forza contro gli agenti di polizia.

Open Democracy

Sette persone sono state condannate a pene detentive da 18 mesi a tre anni e otto mesi.

Stanislav Zimovets, muratore 32enne, è un attivista del movimento nazionalista Resistenza e un veterano della guerra cecena. Prima del suo arresto, Zimovets è stato multato per 2mila rubli (25 euro) per non aver seguito la legittima richiesta di un ufficiale di polizia durante le proteste.

E' stato arrestato una settimana dopo la manifestazione.

All'inizio Zimovets si è dichiarato colpevole ma in seguito si è rifiutato di testimoniare. Ha ammesso di aver gettato un mattone quando ha visto gli arresti di massa ma di non puntare intenzionalmente contro alcuna persona.

Le organizzazioni per i diritti umani lo hanno inserito nella lista dei prigionieri politici in quanto è stato condannato unicamente in relazione all'esercizio non violento del suo diritto a riunirsi pacificamente.

Ancora in carcere, secondo Memorial, ha iniziato uno sciopero della fame in sostegno dell'altro prigioniero politico da cui siamo partiti, Oleg Sentsov.