ULTIM'ORA

Il dramma dei bambini nella Ghouta

Il dramma dei bambini nella Ghouta
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Orrore nella Gouta, in Siria orientale. Per l'Onu a soffrirne di più sono i bambini. Sono loro il vaso di coccio in mezzo ai vasi di ferro: il regime e i suoi alleati, che continuano a bombardare e le postazioni ribelli. Per Damasco si tratta invece di terroristi che usano i civili come scudi umani. Le organizzazioni umanitarie non possono che fare il conto dei morti vista l'impossibilità di lavorare in mezzo ai combattimenti. Così il direttore dell'Unicef Henrietta Fore: "Ghouta è l'inferno sulla terra per i bambini. I bombardamenti non cessano e i piccoli vedono morte e distruzione. E adesso mannca tutto, dall'acqua al cibo e compariranno le epidemie".

Ma perché la Ghouta sembra essere diventata l'ago della bilancia di questa guerra che non accenna a finire? Perché il territorio è una spina nel finaco del presidente Bashar al Assad. Troppo vicina alla capitale per restare in mano ai ribelli. A dividersi l'area sono formazioni salafite come Jaisj al Islam o Ahra al-Sham sostenute dai sauditi, diramazioni del Free Syrian Army vicine alla Fratellanza Musulmana e sostenute da Turchia e Qatar, qaedisti dell’ex al-Nusra. È una sacca che permette di mantenere una minaccia continua sulla Capitale. Una sconfitta nella Ghouta, ad opera delle forze che si oppongono ad Assad, sembra però nell'ordine delle cose.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.