ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Taranto, voci da una città devastata

Taranto, voci da una città devastata
Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di esuberi, governo italiano e sindacati che fanno saltare il tavolo di concertazione con il nuovo acquirente. Si torna a parlare dell’Ilva di Taranto per il piano economico deciso dal nuovo proprietario, una controllata di Arcelor-Mittal, almeno 3300 licenziamenti e per moltissimi altri contratti a termine. La situazione del polo siderurgico di Taranto però non è florida da anni. Abbiamo chiesto a Fabio Matacchiera, del fondo antidiossina della città ionica, se sia stato davvero un buon affare quello della colosso Arcelor Mittal o dietro c‘è qualcos’altro?

Fabio Matacchiera, attivista che da anni si batte per recuoperare il territorio e monitoriare le attività di Ilva sotto proprietà di Riva prima, e di una controllata di Arcelor Mittal adesso, ha parlato con noi di Euronews e ci ha raccontato alcuni aspetti, non troppo conosciuti, dell’affaire che ha portato persino un uomo d’esperienza come il ministro Calenda a sbattere la porta e criticare l’atteggiamento dell’azienda.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.