Grecia, la macchia nera di petrolio minaccia le spiagge di Atene

Grecia, la macchia nera di petrolio minaccia le spiagge di Atene
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Si allarga la macchia nera nelle acque greche dopo il naufragio domenica notte di una petroliera vicino all’isola di Salamina, e ora minaccia la riviera di Atene. Le spiagge della capitale sono deserte e gli abitanti cercano di far fronte al disastro ecologico. “È una catastrofe, ci vorranno almeno due anni per riprenderci, a dire poco. Anche dopo che il petrolio sarà scomparso dalla superficie dell’acqua, ce ne sarà ancora sui fondali e nella sabbia. Sulla spiaggia basterà mettere un piede per ritrovarselo tutto nero”, commenta un bagnante.

Il relitto della nave è stato sigillato martedì, ha reso noto la Guardia Costiera greca, ma non è chiaro quante delle 2.500 tonnellate di greggio che si trovavo a bordo della nave siano fuoriuscite. Nonostante ciò il governo si mostra ottimista: “L’armatore della nave ha fatto intervenire molto rapidamente le squadre per ripulire la zona, operative in meno di quattro ore. L’operazione è proporzionata ed efficace”, dice Dionyssis Kalamatianos, segretario generale del ministero della Marina mercantile. La petroliera affondata, varata nel 1972, era lunga 91 metri e veniva usata per il trasporto di prodotti chimici oltre che di petrolio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gas, alleanza sul biometano tra Italia e Grecia con i fondi Ue per la transizione verde

La Grecia accoglie i turisti turchi: potranno visitare dieci isole greche con un visto rapido

Anche in Grecia trattori in piazza: gli agricoltori chiedono un maggiore sostegno al reddito