EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Venezuela, altri 3 morti nelle proteste contro Nicolas Maduro

Venezuela, altri 3 morti nelle proteste contro Nicolas Maduro
Diritti d'autore 
Di Andrea Neri
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le vittime nelle manifestazioni a Mérida e Barinas. Pacifica invece la marcia oceanica di Caracas. Oggi opposizione di nuovo in piazza

PUBBLICITÀ

Altre 3 vittime. Nel corso dell’ennesima, lunga giornata di proteste in Venezuela, almeno 3 persone hanno perso la vita, in differenti circostanze e in diverse località del Paese.

Due i morti a Mérida, nell’Ovest del Paese. Una delle vittime sarebbe un funzionario del governo ucciso a colpi d’arma da fuoco. La terza è uno studente che partecipava alle proteste contro Nicolas Maduro a Barinas. Almeno 5 i feriti.

Le violenze, che portano ad almeno 24 i morti nel Paese in appena 3 settimane, si sono verificate fuori dalla capitale Caracas, teatro invece di una marcia oceanica per chiedere elezioni anticipate e le dimissioni del Presidente. Alcuni disordini e scontri tra manifestanti e polizia non hanno compromesso una manifestazione complessivamente pacifica.

“Siamo stanchi. I giovani se ne vanno dal Paese perché non c‘è futuro” dice una manifestante. “Vogliamo finirla con la violenza, con la morte perché questo è un regime criminale. Vogliamo uscire da questa situazione e il solo modo di mettere fine a tutto questo è manifestare pacificamente”.

Decine di migliaia di persone hanno trasformato la principale autostrada che attraversa Caracas e unisce l’Est all’Ovest della capitale, nella piazza della loro marcia pacifica contro il regime chavista.

Nella trasmissione televisiva ‘El domingo con Maduro’ il Capo dello Stato ha annunciato elezioni regionali e locali, elezioni che si sarebbero dovute celebrare a dicembro dell’anno scorso.

Nessun riferimento invece ad elezioni presidenziali anticipate, solo vero obiettivo dell’opposizione che per oggi, 26 aprile, ha annunciato una nuova giornata di manifestazioni e proteste in tutto il Paese.

¡CALLE DE NUEVO! Oposición marchará hacia sedes del TSJ, CNE y Defensoría este #26A en toda Venezuela https://t.co/ffzEs3agdVpic.twitter.com/2yTbtFV4Cc

— Noticias Venezuela (@NoticiasVenezue) 25 aprile 2017

Esta es una lucha de #RESISTENCIA y este Miércoles #26A Ciudad Bolívar continúa en la calle.!!! #VzlaNoQuiereMásDictaduraVoluntadPopular</a> <a href="https://t.co/IsImQbUjeT">pic.twitter.com/IsImQbUjeT</a></p>— Irwing Roca Cansinis (Irwingroca) 25 aprile 2017

24A Así el régimen nos reprime en Tazaja 50 mujeres que estábamos protestando en paz por la libertad de Venezuela ONU_es</a> <a href="https://twitter.com/Almagro_OEA2015">Almagro_OEA2015pic.twitter.com/RpBOhvbyAd

— Rosa Orozco (@orozcorosam) 24 aprile 2017

Es emocionante como respondió Caracas. Esta es una lucha de resistencia, no nos cansamos hasta lograr un país LIBRE. ¡Que hable la calle! pic.twitter.com/BOG4I9ml47

— Lilian Tintori (@liliantintori) 24 aprile 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Venezuela, mandato d'arresto per il leader dell'opposizione Juan Guaidó

Senegal, è crisi politica. Manifestanti contro la polizia

Argentina: proteste contro le riforme di Milei, scontri davanti al parlamento di Buenos Aires