EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

L'ira di Israele dopo il voto all'Onu sulle colonie

L'ira di Israele dopo il voto all'Onu sulle colonie
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per i palestinesi è uno schiaffo a Netanyahu e un sostegno al modello due popoli-due stati

PUBBLICITÀ

I palestinesi esultano dopo il voto al Consiglio di sicurezza dell’Onu che ha approvato una risoluzione contro le colonie ebraiche in Cisgiordania.

Determinante e storica l’ astensione degli Stati uniti , che per la prima volta, su questioni del genere, non hanno posto il veto.

Ha detto il rappresentante israeliano Danny Danon :

Cosa vi consente di approvare una tale risoluzione che nega i nostri diritti eterni su Gerusalemme? Questo Consiglio avrebbe avuto il coraggio di condannare i vostri rispettivi Paesi per la costruzione di case nelle vostre rispettive capitali?

L’ambasciatore palestinese all’Onu Riyad Mansour ha risposto:

Dopo che per anni la legalità è stata calpestata, questa risoluzione è l’ultimo tentativo di preservare la soluzione Due popoli-due Stati , rilanciando il processo di pace.

‘Gli Usa hanno lavorato alle nostre spalle’

Durissimo il premier israeliano Benjamin Netanyahu , che ha definito vergognoso e assurdo questo voto, accusando l’amministrazione presidenziale statunitense uscente di aver collaborato con l’Onu alle spalle di Israele.

Netanyahu, che non si è mai trovato bene con Barack Obama , non vede l’ora di lavorare con Donald Trump . Del resto il presidente degli Stati uniti eletto ha già fatto sapere che, una volta entrato alla Casa bianca, il 20 gennaio, la musica sul medioriente cambierà.

legalmente non validi e pericolosi per la pace

La risoluzione definisce gli insediamenti non validi da un punto di vista legale e un ostacolo per il processo di pace. Il governo dello stato ebraico ha preannunciato che non la rispetterà.

La prima ritorsione: Netanyahu ha richiamato per consultazioni gli ambasciatori israeliani presso il Senegal e la Nuova Zelanda , due dei paesi promotori della risoluzione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cile, una mostra sulla storia dei territori palestinesi

Brindisi: proteste contro il “G7 della guerra”

Slovenia: il Parlamento riconosce lo Stato palestinese