Il mondo tra obesità e malnutrizione

Il mondo tra obesità e malnutrizione
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il Global Nutrition Report traccia il quadro dei problemi legati al cibo in tutto il pianeta.

PUBBLICITÀ

Il Global Nutrition Report traccia il quadro dei problemi legati al cibo in tutto il pianeta. Ecco i 4 aspetti principali.

Obesità e sovrappeso in aumento quasi in tutti i Paesi

I chili di troppo rappresentano un problema globale.
Secondo il rapporto, due dei 5 miliardi di adulti sulla Terra sono in sovrappeso o obesi e, ra questi, un dodicesimo soffre di diabete di tipo 2, una patologia in parte correlata al peso.

I bambini sotto i 5 anni in sovrappeso erano 41 milioni nel 2014, ovvero il 6,1%. Nel 1990 erano 31 milioni, pari al 4,8%.
Il fenomeno raggiungeva il 20% in Albania, Libia, Montenegro e Georgia.

Stati Uniti, Turchia, Libia, Libano e Qatar erano tra i Paesi in cui più dei due terzi degli adulti erano in sovrappeso o obesi.

‘La malnutrizione è diventata la norma’

“Una persona su tre soffre di qualche forma di malnutrizione”, afferma Lawrence Haddad, co-autore del Global Nutrition Report. “Viviamo in un mondo in cui essere malnutriti è diventato normale, ma dobbiamo tutti denunciare questo come inaccettabile.”

La malnutrizione può causare un’ampia gamma di problemi di salute, tra cui anemia e ritardo nella crescita.
Malattie le cui cure, in Asia e in Africa, bruciano l’11% del Pil, aggiungendo pressione ai fragili sistemi sanitari locali.

Il mondo descritto nel rapporto è fuori rotta rispetto all’obiettivo, fissato nel 2013 dall’Assemblea Mondiale della Sanità, della riduzione del 40% dei casi di ritardo della crescita.

La malnutrizione è responsabile di quasi la metà dei decessi sotto i 5 anni

Il Global Nutrition Report afferma anche che il 45% delle morti di bambini sotto i 5 anni è legata alla malnutrizione. Ma il tasso tende a diminuire, ad eccezione di.Africa e Oceania.

In totale, su 667 milioni di bambini fino ai 5 anni, 159 milioni sono troppo bassi per la loro età, 50 milioni non pesano abbastanza e 41 milioni sono invece in sovrappeso.

L’importanza dei dati

Il rapporto chiede al mondo politico una maggiore incisività e più investimenti finanziari per la lotta alla malnutrizione, ma sottolinea anche la carenza di informazioni in materia.

“La mancanza di dati è un ostacolo significativo per ottenere progressi nella nutrizione in tutto il mondo. Ogni Paese ha un contesto nutrizionale diverso e dovrebbe raccogliere i necessari dati nazionali e regionali per capire la propria situazione unica ed agire.”

Lo chef britannico Jamie Oliver, parlando all’Assemblea Mondiale della Sanità del 2016 a Ginevra, ha affermato che è importante avere dati sui Paesi con cattivi risultati per poterne chiedere loro conto.

“Significa mantenerli vincolati ai loro impegni – ha aggiunto – e questo, su una scala di governo globale, è davvero utile, perché instaura una competizione positiva tra i Paesi. E se non rispetteranno le loro promesse si potrà chiedere loro perché.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Un intero paese spagnolo si mette a dieta per perdere 100mila chili in 2 anni

Salute: una persona su otto convive con l'obesità

La Giornata mondiale del diabete e le correlazioni coi problemi cardiaci