ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Primarie Usa, domani il Super Tuesday in Indiana

Primarie Usa, domani il Super Tuesday in Indiana
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo le primarie a New York, la corsa per la candidatura alle presidenziali americane di Repubblicani e Democratici si sposta in Indiana.
Nel voto del Super Tuesday, tra i Repubblicani Donald Trump è – secondo i sondaggi – avanti di 15 punti sul principale rivale Ted Cruz.

“Se vinciamo in Indiana è fatta, ok? Fatta. E ce la faremo. Non dovrei dirlo, per evitare di farvi perdere l’incentivo di andare a votare, ma ce la faremo di sicuro. E i miei rivali a quel punto si ritireranno e ci potremo concentrare su quella disonesta di Hillary”, ha detto Trump

Il nemico da battere è cambiato: non più i rivali del proprio partito, ma il probabile diretto avversario per la Casa Bianca.

“E’ stato un grandissimo onore lavorare nell’amministrazione Obama – ha detto Hillary Clinton -. Adesso l’America deve decidere chi gli succederà. E il candidato dei Repubblicani in testa alle primarie è colui che ha condotto l’infame movimento sul certificato di nascita per mettere in dubbio la cittadinanza del presidente”.

Secondo Clinton, Trump fu tra i cospirazionisti secondo cui Obama non era nato negli Stati Uniti bensì in Kenya, e la sua elezione sarebbe stata quindi irregolare.

Alla Clinton e a Trump mancano pochi delegati per ottenere la nomination. Dopo l’Indiana, mancano ancora dieci Stati per concludere le primarie.
Nel frattempo a Los Angeles si è tenuta una marcia contro Trump, che vorrebbe far costruire un muro al confine tra il Messico e la California. Dove si vota il 7 giugno.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.